"Hamas, al bivio tra terrorismo e governo", su LA7.

Ieri sera, alle 21,30, su La7, è andato in onda il programma "L’Infedele". Titolo: "Hamas, al bivio tra terrorismo e governo". Erano di scena la Palestina, con la vittoria di Hamas, i Fratelli Musulmani, l’Iran, l’Islam italiano e europeo.

Ebbene, abbiamo finalmente potuto assistere a una prova di ottima tv, scientificamente supportata, dialettica, non pregiudizievole. Una tv che ha saputo informare e fare "cultura", cosa ormai rara nei palinsesti sempre più trash e deprimenti della televisione italiana – di Stato e privata.

Tra gli ospiti, scelti con intelligenza dal conduttore, un bravo e dialogante Gad Lerner, Abdel Hamid Shaari, responsabile della molto discussa moschea di viale Jenner, a Milano, Hamza Roberto Piccardo, segretario nazionale dell’Ucoii, lo storico e islamologo Massimo Campanini, Marcella Emiliani, autrice de "La vittoria di Hamas" (editrice il Ponte), docente universitaria, Vittorio Farsi della Cattolica di Milano, Farian Sabahi, giornalista italo-iraniana, e,  in collegamento da Torino, Vittorio Dan Segre, ex diplomatico, saggista e studioso di politica mediorientale (ed ex combattente nella guerra del ’48).

Il movimento islamico, la Questione palestinese e gli altri temi sono emersi con pacatezza e obiettività, lasciando la possibilità agli studiosi di discutere sui futuri scenari del conflitto israelo-palestinese, ma anche sui rapporti di forza tra Iran e Usa.

"Sono molto soddisfatto del clima creatosi durante la trasmissione – ha raccontato a Infopal.it Hamza Piccardo -. Qualcosa sta cambiando nella percezione di certi aggormenti di estrema attualità. Credo che una parte intelligente del movimento sionista non voglia lo scontro con i palestinesi e con l’Islam, e che stia cercando dei canali di comunicazione con realtà non solo palestinesi. Durante la serata sono emersi temi importanti affrontati con scientificità e serietà. Davvero un buon esempio di tv".

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"