Hamas attacca centinaia di smartphone di soldati israeliani

MEMO e Quds Press. Il gruppo di resistenza palestinese, Hamas, ha hackerato centinaia di smartphone dei soldati israeliani, secondo quanto ha riferito il quotidiano israeliano Haaretz.

Da parte sua, Quds Press ha riportato una dichiarazione dell’esercito israeliano rivelando che Hamas ha usato sofisticati metodi di hacking.

L’esercito israeliano ha annunciato che Shin Bet è riuscito a bloccare il flusso di informazioni ottenute da Hamas, non appena ha scoperto l’hacking.

Di recente, il dipartimento di sicurezza dell’intelligence israeliana ha scoperto numerosi tentativi di Hamas di hackerare i telefoni dei soldati israeliani attraverso i social media, tentando anche di scaricare app con virus.

Quds Press ha riferito che Hamas ha usato i telegrammi per la prima volta per comunicare con i soldati israeliani, oltre a falsi account sui social media.

L’esercito israeliano ha scoperto hacking precedenti, ma, non li ha rivelati “per continuare la sua caccia agli hacker di Hamas” e ha aggiunto che “è la prima volta che Israele potrebbe smantellare i tentativi di hacking di Hamas”.

Haaretz ha raccontato come gli hacker di Hamas sono riusciti negli hacking: “Hamas si è rivolto a soldati e ufficiali – alcuni dei quali in ruoli di combattimento – tramite falsi account sui social media apparentemente appartenenti a donne immigrate con un basso livello di ebraico. Le foto del display per i profili falsi erano volutamente allettanti.

“Durante le conversazioni sui social media ai soldati è stato inviato un link che scaricava automaticamente un’app sul dispositivo del soldato, che, quando cliccato su, dava ad Hamas il controllo sul telefono cellulare all’insaputa dei soldati.

“Ciò ha consentito all’organizzazione di acquisire tutte le informazioni sul telefono, inclusa la sua posizione precisa, e di registrare ciò che veniva detto nelle vicinanze del telefono”.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"