Haniyah: abbiamo rifiutato l’offerta di 15 miliardi di dollari per porre fine alla resistenza

PIC. Hamas ha rifiutato un’offerta di 15 miliardi di dollari per porre fine alla resistenza, rinunciare a Gerusalemme e isolare Gaza dal resto della Palestina, ha rivelato Ismail Haniyah, presidente dell’ufficio politico di Hamas.

Lunedì, in un’intervista con un sito web del Qatar, Haniyah ha affermato che il pacchetto di accordi prevede il lancio di importanti progetti infrastrutturali come un porto marittimo, un aeroporto e altri nella Striscia di Gaza.

Ha aggiunto che quei partiti, che hanno presentato il piano, hanno chiesto in cambio di fondere l’ala armata del Movimento nelle forze di polizia palestinesi dopo averlo disarmato, rinunciando a Gerusalemme e amministrando la Striscia di Gaza separatamente.

Il leader di Hamas ha affermato che il suo Movimento non avrebbe mai accettato il cosiddetto “Affare del Secolo” o qualsiasi altro piano simile.

“Vogliamo porre fine all’assedio di Gaza e avere un porto marittimo, un aeroporto e altri progetti, ma solo come un diritto per la sua popolazione e non in cambio della resistenza disarmante o di determinate posizioni politiche”, ha sottolineato Haniyah.

Ha dichiarato inoltre che una conferenza popolare nazionale sarebbe stata organizzata a Gaza nel prossimo futuro alla presenza di Mahmoud Abbas, il presidente dell’Autorità Palestinese.

Il leader di Hamas ha lodato l’aiuto del Qatar a Gaza e in Palestina, aggiungendo che il suo Movimento accoglie con favore il ruolo del Qatar nel colmare le lacune tra le fazioni di Hamas e Fatah.

Haniyah, nel frattempo, ha ritenuto che qualsiasi cambiamento dell’amministrazione americana nelle imminenti elezioni presidenziali avrebbe avuto un impatto sulla causa palestinese e sulla crisi del Golfo.

Traduzione per InfoPal di L.P

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"