Hanna: “Si ponga fine all’assedio disumano di Israele sulla Striscia di Gaza”

Gerusalemme occupata-PIC. Mons. Atallah Hanna ha invitato “la comunità internazionale e chiunque abbia buon cuore e coscienza a impegnarsi affinché si ponga fine al blocco disumano sulla Striscia di Gaza”.

Hanna, arcivescovo della Chiesa ortodossa palestinese nella Gerusalemme occupata, ha lanciato l’appello durante l’incontro di venerdì 7 settembre con una delegazione per i diritti umani di Ginevra, prima che i membri si mettessero in viaggio per Gaza.

“Più di due milioni di persone vivono sotto un ingiusto assedio che ha portato a molte tragedie umanitarie e sociali nella Striscia di Gaza, che è diventata la più grande prigione del mondo”, ha affermato l’arcivescovo.

“Questa tragedia umanitaria non deve assolutamente continuare. Ogni giorno ci capita di ricevere telefonate e messaggi del nostro popolo che descrive le diverse condizioni e le calamità umanitarie e sociali di cui è vittima, per non parlare della sofferenza di quelle persone con esigenze particolari che hanno perso gli arti a causa dell’attuale aggressione israeliana”, ha dichiarato il religioso cristiano.

“La vita nella Striscia di Gaza è diventata un incubo: povertà e miseria dilagano ovunque, così come la fame e la malnutrizione. Ai bambini invece, e lo dico senza mezzi termini, viene negato il diritto di vivere la loro infanzia”, ha aggiunto.

Ha inoltre sottolineato che il blocco di Israele e gli assalti su Gaza “non possono essere concepiti né accettati da nessuna mente umana”.

“Facciamo appello ai nostri amici in tutto il mondo, nonché a tutte le organizzazioni e agli enti per la tutela dei diritti umani, affinché prestino necessariamente attenzione al nostro popolo nell’enclave assediata”, ha affermato Hanna.

Traduzione per InfoPal di Rachele Manna

 

 

 

 

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"