I palestinesi sollecitano la CPI ad accelerare l’indagine sui crimini di guerra israeliani

Presstv.com. (Da InvictaPalestina). Per la prima volta   gruppi civili palestinesi, inclusi medici, agricoltori, pescatori ed educatori, fanno appello direttamente al tribunale internazionale.

Gli avvocati palestinesi e i gruppi della società civile hanno fortemente sollecitato la Corte penale internazionale (ICC) ad accelerare le indagini sugli abusi israeliani e sui crimini di guerra contro i palestinesi.

Gli avvocati, che rappresentano 448 vittime della maggior parte delle aggressioni israeliane contro la Striscia di Gaza nell’estate del 2014, insieme a oltre 50 sindacati e gruppi palestinesi hanno presentato un grosso fascicolo all’ufficio del procuratore della CPI mercoledì (ndt. luglio 2017), dimostrando “chiaramente che sono stati commessi  crimini all’interno della giurisdizione della Corte”.

L’aggressione militare israeliana durata 50 giorni contro Gaza ha ucciso quasi 2.200 palestinesi, tra cui 577 bambini.  Durante l’attacco oltre 11.100 – tra cui 3.374 bambini, 2.088 donne e 410 anziani – sono stati feriti .

Nel febbraio 2015 l’Autorità palestinese (PA), guidata dal presidente Mahmoud Abbas, ha nominato un comitato di 45 membri, presieduto dal negoziatore dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) Saeb Erekat, per raccogliere prove di abusi israeliani e crimini di guerra contro i palestinesi.

Nel giugno 2015, il comitato ha formalmente consegnato all’ICC, con sede all’Aia, numerosi fascicoli sulla guerra israeliana a Gaza, la costruzione di insediamenti illegali del regime nei territori occupati e il maltrattamento dei prigionieri palestinesi nelle prigioni israeliane.

Tuttavia, quasi nessun progresso è stato fatto nel processo di esame dei documenti e delle prove presentate all’ICC, che inizialmente aveva dichiarato di aver avviato un esame preliminare dei fascicoli.

“Per due anni, la Palestina è sotto esame preliminare”, ha dichiarato l’avvocato Gilles Devers in una conferenza stampa mercoledì. “A Gaza, pensiamo che due anni siano troppo lunghi”. Ha aggiunto che le operazioni militari israeliane nella guerra di Gaza del 2014 hanno costituito crimini di guerra e che “l’ICC è competente” per gestire il caso.

Devers ha affermato che il procuratore capo dell’ICC Fatou Bensouda ha “l’obbligo” di trasformare l’esame preliminare in una indagine completa.

Gli attivisti palestinesi hanno anche detto ai giornalisti che la tanto attesa indagine è ferma, chiedendo sia alla CPI che all’AP di accelerare i tempi.

Il regime israeliano, che non ha aderito allo Statuto di Roma della CPI, ha già respinto il fatto di aver commesso crimini di guerra, affermando che il tribunale internazionale non ha autorità per ascoltare le accuse della Palestina poiché “non è una nazione” e anche perché in Israele il cosiddetto sistema giudiziario è indipendente e può esso stesso esaminare le accuse di crimini di guerra.

Oltre 30 avvocati nei territori occupati palestinesi hanno contribuito a redigere il nuovo dossier.

Era la prima volta che gruppi civili palestinesi, inclusi medici, agricoltori, pescatori ed educatori, facevano appello direttamente al tribunale internazionale.

Hanno dichiarato di essersi fatti avanti a causa della “mancanza di volontà politica da parte dell’Autorità palestinese”, che non aveva sollevato una denuncia ufficiale come membro dello stato del tribunale dell’Aja.

Gaza, con una popolazione di oltre 1,8 milioni, è sotto assedio da parte del regime israeliano dal giugno 2007. Il blocco ha causato un declino del tenore di vita e livelli di disoccupazione senza precedenti oltre a una povertà inarrestabile.

Inoltre, i territori palestinesi occupati hanno assistito a nuove tensioni da quando le forze israeliane hanno introdotto restrizioni sull’ingresso dei fedeli palestinesi nel complesso della moschea di al-Aqsa a Gerusalemme est al-Quds nell’agosto 2015.

Più di 300 palestinesi hanno perso la vita per mano delle forze israeliane nelle tensioni in atto dall’inizio di ottobre 2015.

Il regime di Tel Aviv ha cercato di cambiare la composizione demografica di Gerusalemme al-Quds negli ultimi decenni costruendo insediamenti, distruggendo siti storici ed espellendo la popolazione palestinese locale. I palestinesi affermano che le misure israeliane mirano a spianare la strada alla giudaizzazione della città.

Abusi sui minori

Martedì, il gruppo per i diritti umani Defence for Children International-Palestine (DCIP) ha dichiarato in un rapporto che tra gennaio e maggio di quest’anno, il regime israeliano ha arrestato circa 331 minori palestinesi, con un aumento del 62% rispetto allo stesso periodo degli anni 2012-2015.

La ONG ha inoltre affermato che le forze militari israeliane hanno regolarmente abusato dei bambini palestinesi, negando loro il cibo, sottoponendoli a percosse e altre forme di coercizione e impedendo loro di accedere all’assistenza legale e alle consulenze.

Secondo Ayed Abu Eqtaish, direttore di DCIP, negli ultimi dieci anni Israele ha sistematicamente ed ampiamente maltrattato bambini palestinesi nei suoi centri di detenzione militare.

“Dal persistente e istituzionalizzato maltrattamento e tortura dei bambini palestinesi, alla sistematica negazione dei loro debiti diritti di processo, emerge un sistema di controllo molto lontano dalla giustizia”, ​​ha affermato nel rapporto.

Il DCIP ha affermato che nell’81% dei casi di detenzione registrati tra gennaio e giugno, i bambini arrestati sono stati sottoposti a perquisizione al momento della detenzione e due terzi di loro erano stati interrogati in assenza di un avvocato.

Il regime israeliano nei suoi tribunali militari persegue ogni anno fino a 700 minori .

Traduzione di Invictapalestina.org

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"