I prigionieri palestinesi mettono fine allo sciopero della fame dopo che Israele ha accettato le loro richieste

MEMO. All’inizio di lunedì è stato sospeso lo sciopero della fame di massa messo in atto da prigionieri palestinesi per protestare contro il deterioramento delle condizioni nelle carceri israeliane, dopo che le loro richieste sono state soddisfatte dal Servizio carcerario israeliano.

Circa 400 prigionieri palestinesi avevano lanciato uno sciopero della fame a tempo indeterminato, la scorsa settimana, a seguito del fallimento dei colloqui con i Servizi penitenziari israeliani (IPS) sul deterioramento della situazione nelle carceri. I prigionieri avevano programmato di intensificare il loro sciopero una settimana dopo, astenendosi dal bere acqua se le autorità israeliane non avessero accettato le loro richieste.

La fine della protesta è avvenuta dopo intensi negoziati tra i leader dello sciopero, compresi i rappresentanti delle fazioni palestinesi in carcere e l’IPS.

In una dichiarazione rilasciata lunedì sera a nome dei movimenti dei prigionieri, il Comitato congiunto dei prigionieri delle Fazioni islamiche e nazionali ha dichiarato: “Il movimento dei prigionieri ha confermato di aver raggiunto un accordo con il Servizio penitenziario israeliano rimuovendo dispositivi elettronici di disturbo e permettendo loro di avere dei telefoni fissi in carcere per chiamare le famiglie”.

Le autorità di occupazione israeliane hanno accettato di annullare le misure adottate a febbraio, tra cui l’installazione di dispositivi di disturbo del segnale che causavano loro forti mal di testa.

Le autorità israeliane hanno anche acconsentito ai prigionieri in isolamento di ritornare nelle celle con i loro compagni.

Secondo l’analista politico Adnan Abu Amer: “Per la prima volta nelle prigioni israeliane, Israele ha accettato di installare telefoni pubblici nelle celle dei prigionieri”.

Il portavoce dell’ufficio informazioni dei prigionieri, Ali Almoghrabi, ha dichiarato: “Questa è una nuova vittoria per il movimento dei prigionieri, che hanno costretto le autorità israeliane ad accettare le loro richieste dopo solo una settimana di proteste”.

tag: ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"