Il Centro studi per gli Affari dei prigionieri: ‘In pericolo la vita di decine di detenuti palestinesi malati’.


Ramallah – Infopal. Secondo il Centro studi per gli Affari dei detenuti, la vita di decine di prigionieri palestinesi rinchiusi nelle carceri israeliane è in pericolo, poiché le autorità occupanti non garantiscono loro, intenzionalmente, le cure mediche necessarie.

“Che le famiglie dei detenuti malati siano molto preoccupate da una situazione di negligenza è evidenziato dagli appelli che esse rivolgono alla direzione delle carceri per salvare la vita dei loro congiunti”, ha affermato il Centro.
Il Centro ha poi sottolineato di aver ricevuto decine di appelli, in particolare da chi soffre di malattie croniche, dato che ai medici non è permesso l'ingresso nelle carceri, e ha aggiunto che “l'amministrazione penitenziaria si disinteressa alla vita dei prigionieri malati che si trovano in quello che chiamano ospedale “Meraj – ar-Ramleh”, rimandando le visite radiologiche, oculistiche, odontoiatriche, e così via”.

Raafat Hamduna, direttore del Centro, ha affermato che “vi è una minaccia per la vita di decine di detenuti affetti da malattie croniche, che richiedono cure immediate e l'intervento di medici specialisti esterni alle carceri”.
Hamduna ha invitato le organizzazioni per diritti umani e umanitarie ad esercitare “pressioni sugli occupanti affinché permettano l'ingresso di medici specialisti che curino i prigionieri affetti da patologie croniche”, e ha invitato i media a “denunciare le violazioni israeliane contro i detenuti”.

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"