Il convoy to Gaza fermo ad Aqaba.

Riceviamo dall'Ism – Italia e pubblichiamo.

ISM-Italia  comunicato stampa del 26 dicembre 2009

Oggetto: il convoy to Gaza fermo ad Aqaba

Il convoglio inglese di Viva Palestina (www.vivapalestina.org), partito da Londra il 6 dicembre è giunto ad Aqaba il 24 pomeriggio. All'una di notte del 25 dicembre il convoglio doveva imbarcarsi per Nuweiba ma le autorità egiziane  hanno fatto sapere che non avrebbero permesso lo sbarco.

Verso le 19.00 si è tenuto un incontro al consolato egiziano di Aqaba: presenti il console egiziano, il capitano del ferry, un qualcuno forse dei servizi di sicurezza egiziani, George Galloway e altri tre rappresentanti del convoglio. Incontro molto teso secondo il successivo rapporto di Galloway.

Il console egiziano ha posto le seguenti condizioni: il convoglio dovrebbe arrivare al porto di El Arish (richiesta assurda perché significherebbe circa 1000 km per arrivare a un porto siriano, un lunghissimo viaggio per mare e la necessità di salire su 5 ferry piccoli perché il porto di El Arish non è in grado di accogliere ferry grandi)

il convoglio dovrebbe entrare sotto l'egida dell'UNRWA e consegnare all'UNRWA i materiali trasportati.

il convoglio dovrebbe chiedere il permesso di entrare sia all'Egitto sia a Israele.

La delegazione ha ovviamente rifiutato queste assurde pretese chiedendo di entrare in Egitto senza condizioni. Non è arrivata, ad oggi, 26 dicembre ore 12.00, nessuna risposta dal governo egiziano, salvo il tentativo di dividere il convoglio permettendo l'ingresso alla delegazione turca. E' stato riferito nell'aggiornamento delle 11 che ci sono trattative dirette tra Erdogan e Mubarak.

E' circolata una email nel pomeriggio di ieri secondo la quale il governo egiziano avrebbe cambiato posizione, ma la notizia non ha avuto nessuna conferma. Personalmente ho parlato con Haider Eid a Gaza e mi ha detto che non ci sono al momento novità.

Il convoglio è ora composto da circa 150 veicoli e da 500 persone.

Almeno due volte al giorno viene fatto il punto in incontri collettivi con George Galloway e altri della organizzazione.

Naturalmente le cose possono cambiare da un momento all'altro, un amico dal Cairo mi dice che è una partita a scacchi della quale non si sa bene chi muove le pedine, agiungo che oltre tutto le pedine non sono tutte eguali.

Una valutazione di tutta la vicenda, in particolare del valore politico del convoglio inglese che è composto principalmente da gruppi delle comunità musulmane inglesi, è prematura.

Ma molti sono gli insegnamenti che se ne dovranno trarre, a partire da un confronto duro con i paesi arabi moderati. Il boicottaggio, sia pur in tono minore dell'Egitto alla Fiera del Libro di Torinodel 2009, è un punto di riferimento e di partenza.

Diana Carminati e Alfredo Tradardi

Aqaba, 26 dicembre 2009

Si prega di far circolare questo comunicato stampa.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"