Il matrimonio ai tempi del coronavirus: il mondo sta vivendo l’esperienza di Gaza

Di Eman Abusidu. L’amore è quel sentimento naturale che si diffonde nel cuore di ogni essere umano. È il modo normale in cui la natura umana si esprime in tutto il mondo. Ma possono l’amore e il matrimonio diventare qualcosa di difficile o di irraggiungibile? Il coronavirus ha cambiato il modo in cui lavoriamo, studiamo e comunichiamo con gli altri. Le scuole hanno chiuso, molte cerimonie sono state cancellate e a molte persone è stato chiesto di lavorare da casa. Il Covid-19 ha insidiato molti aspetti delle nostre vite, compreso il modo in cui ci incontriamo con i nostri cari. Immaginiamo di essere separati dalla persona che amiamo, o di essere costretto a stare con chi non amiamo, o di essere completamente soli. Mentre i casi di Covid-19 aumentano in tutto il mondo, aumentano anche i casi di compleanni, viaggi, matrimoni e altre grandi occasioni cancellate. “Ogni singola riduzione nel numero di contatti quotidiani con parenti, colleghi, con la scuola, avrà un significativo impatto sull’abilità del virus di diffondersi tra la popolazione”, spiega il dottor Gerardo Chowell, docente di Scienze della salute della popolazione all’università statale della Georgia.
 
Quello che si presume essere il giorno più felice nella vita delle coppie è profondamente mutato con l’introduzione di tutte le misure di sicurezza e le precauzioni. Un matrimonio tradizionale comprende una miriade di dettagli – il locale, il vestito, la lista degli invitati, a torta, i fiori e, ora, la postazione per il disinfettante per le mani. Nell’era della pandemia da corona virus le coppie affrontano con creatività il modo in cui preparare il matrimonio e proteggere i propri ospiti. In molti paesi al matrimonio possono essere presenti solo gli sposi, entrambi con mascherina, per fermare la diffusione del virus. La raccomandazione è che le coppie utilizzino lo streaming per diffondere la cerimonia tra amici e parenti, piuttosto che avere gli invitati in presenza. Alcuni possono essere felici di procedere via streaming, anziché attendere che la pandemia passi, altri preferiscono ritardare il grande giorno o cancellarlo del tutto. Spesso, quando i matrimoni vengono cancellati, i soldi lasciati come deposito vengono persi.
 
Per mesi Mahmoud Asida e Sundus Othman hanno programmato il loro matrimonio, poi ritardato dall’arresto di Asida da parte dell’occupazione israeliana. Ora il matrimonio è stato nuovamente ritardato per l’esplosione del corona virus in Palestina. Asida, 31 anni, ha dichiarato all’Agenzia Anadolu: “In seguito all’esplosione del coronavirus in Palestina ho consultato la mia fidanzata e la mia famiglia ed ho deciso di rinviare il giorno del matrimonio di diversi mesi. È una responsabilità sociale, c’è la parola di diffondere la malattia nelle riunioni di nozze. Avevo due possibilità: rinviarlo o celebrarlo in modo ridotto. Ho scelto di rinviarlo”.
 
Anche a quelli di noi con i matrimoni più felici e stabili, il distanziamento sociale per combattere la diffusione del Covid-19 offre una serie di sfide alla stabilità sociale. Siamo confinati in piccoli spazi, con poche o nessuna pausa. Dobbiamo bilanciare la nostra vita lavorativa e la nostra vita personale, 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana, con i bambini piccoli o adolescenti: può essere una ricetta per il disastro. Il segretario esecutivo della commissione economica e sociale per l’Asia occidentale (ESCWA), Rola Dashti, ha commentato l’impatto del coronavirus sui paesi del Medio Oriente: “Questa è una crisi umana, una crisi dei cittadini, una crisi vivente; i governi e i cittadini dovrebbero giocare un ruolo importante per giungere a una soluzione con la solidarietà di tutti”.
 
Ciò che il mondo sta ora vivendo è la sospensione di tutti gli aspetti della vita – qualcosa che la Striscia di Gaza ha vissuto molte volte prima d’ora. Il 2020 segna i 53 anni dall’occupazione del territorio palestinese e 13 anni dal blocco di Gaza. Gaza è una piccola enclave assediata ed è uno dei luoghi più densamente popolati del mondo. Centinaia di migliaia di persone vivono o in campi profughi abbandonati o in edifici bombardati. Sia l’occupazione che il blocco influenzano ogni aspetto della vita dei palestinesi. Uno dei sintomi ben noti dell’assedio è rappresentato dagli aspetti sociali e personali della vita, ad esempio i matrimoni. La striscia assediata di Gaza ha molte storie nascoste a cui i media non possono accedere correttamente. Molte storie d’amore non sono durate a causa della chiusura di strade e incroci. Molte coppie fidanzate non hanno potuto celebrare il matrimonio a causa dei continui bombardamenti e molte coppie sposate sono state separate a causa delle gravi condizioni economiche e politiche. Gaza ha sempre affrontato la sua lotta da sola. Ora ne affronterà due: l’occupazione israeliana e il coronavirus.
 
Una rosa rossa, simbolo universale di amore, a causa del coronavirus ha perso il suo valore a Gaza come in molti altri paesi. Come se la frase “amare o essere amati” fosse vietata dalle regole del coronavirus. La pandemia ha avuto un effetto significativo su centinaia di lavoratori che hanno perso il lavoro da agricoltori e ha annullato la capacità dei coltivatori di fiori di Gaza di vendere i loro prodotti all’estero. La loro unica alternativa è stata disporre dei loro fiori o darli da mangiare agli animali.
 
Nessuno ha ancora familiarità con la “nuova normalità” del distanziamento sociale e con le notizie sulla pandemia che cambiano rapidamente. Il 18 marzo 2020 l’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato un rapporto sulla salute mentale e le questioni psicosociali, indicando istruzioni e considerazioni sociali sull’epidemia di Covid-19. Il rapporto comprende consigli come: “Resta connesso e mantieni la tua rete sociale, cerca il più possibile di mantenere le tue routine quotidiane personali o crea nuove routine se le circostanze cambiano. Durante i periodi di stress, presta attenzione ai tuoi bisogni e ai tuoi sentimenti”. La distanza sociale, una distanza tra te e le altre persone di almeno sei piedi, manterrà fisicamente le nostre relazioni con gli altri. Mentre dovremmo lavorare insieme per mantenerci fisicamente distanti gli uni dagli altri, dovremmo fare uno sforzo unito per non distanziarci spiritualmente.
Traduzione per InfoPal di Stefano Di Felice

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"