Il partito israeliano della Nuova Destra intende costruire 113.000 case per coloni in Cisgiordania

PIC. I leader di partito dell’alleanza di destra, Hayemin Hehadash, hanno annunciato mercoledì un piano per costruire 113.000 unità abitative negli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata, secondo diversi media israeliani.

Secondo il partito della Nuova Destra (NR), il piano – che vedrebbe aumentare la popolazione dei coloni di circa mezzo milione – è una soluzione alla crisi abitativa di Israele, che ha visto un aumento dei prezzi delle case.

“L’area metropolitana di Tel Aviv è quasi affollata come Gaza e costosa come New York”, ha affermato il presidente di NR e ex ministro della Giustizia Ayelet Shaked in una conferenza stampa tenuta a lanciare il piano nell’insediamento di Etz Efraim.

“I diversi trucchi di magia che abbiamo visto negli ultimi anni non hanno funzionato. La soluzione è semplice: per abbassare i prezzi è necessario aumentare l’offerta”, ha detto.

NR vuole costruire le case coloniali in un periodo di cinque anni, che collegherà Ariel – nel profondo della Cisgiordania occupata – con Rosh Ha’ayin all’interno della Linea Verde.

Il suo piano mira ad aumentare di mezzo milione il numero di coloni ebrei che vivono in Cisgiordania, il che porterà a totale a circa un milione.

L’alleanza di destra afferma che la popolazione israeliana raggiungerà i 10 milioni entro il 2024, quindi vuole che un milione di quelle persone vivano in Cisgiordania.

tag: ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"