Il re della Giordania: niente è più importante che “salvaguardare Gerusalemme” 

Roma-MEMO. Il re giordano Abdullah II ha dichiarato che la cosa più importante è la tutela di Gerusalemme alla luce del continuo conflitto israelo-palestinese.

Durante la cerimonia per la consegna della Lampada della Pace del 29 marzo scorso, in Italia, il re Abdullah ha dichiarato che “non c’è luogo in cui è più importante agire, se non nella tutela di Gerusalemme”.

Il re ha poi continuato dicendo che il suo Paese sta lavorando per una “risoluzione duratura del conflitto principale nella regione, ovvero la crisi palestino-israeliana, attraverso uno stato di Palestina sovrano, vitale ed indipendente, con i confini del 1967.

“Con Gerusalemme est come capitale, ed un Israele sicuro, parte della regione, riconosciuto dagli stati arabi e musulmani in tutto il mondo.

“Oggi non vi è luogo più importante per agire che nella salvaguardia di Gerusalemme.
In qualità di custodi hashemiti dei luoghi sacri di Gerusalemme, sia cristiani che islamici, abbiamo un legame speciale, un obbligo personale per la sicurezza ed il futuro della città santa.

“La Giordania contribuisce attivamente ai restauri storici dei luoghi santi musulmani e cristiani, inclusa la Basilica del Santo Sepolcro.

“Legami di amore e preoccupazione vincolano la città santa a miliardi di musulmani e cristiani in tutto il mondo, e Gerusalemme dovrebbe e deve essere la città della pace”.

” No ad un rimpatrio dei palestinesi.”

Traduzione per InfoPal di Laura Della Ciana

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"