IOF demoliscono scuola costruita con fondi UE ad est di Ramallah

Ramallah – PIC. Mercoledì, le forze d’occupazione israeliane (IOF) hanno demolito una scuola elementare finanziata dall’Unione Europea nella comunità pastorale di Ras al-Tin, ad est di Ramallah.

Il Consiglio norvegese per i rifugiati (NRC) ha espresso la sua profonda preoccupazione per la demolizione di una scuola da parte delle IOF. Ha indicato che questa istituzione serve 50 studenti della comunità Ras el-Tin, dalla prima alla sesta elementare.

La NRC ha sottolineato che la demolizione di questa scuola da parte dell’occupazione costringerà gli studenti a camminare per circa 5 chilometri per raggiungere l’altra scuola più vicina, nel villaggio di al-Mughayyir.

La scuola è stata aperta all’inizio dell’anno scolastico, più di un mese fa, e le autorità di occupazione hanno notificato la demolizione dell’edificio con il pretesto della costruzione senza licenza. Tuttavia, gli abitanti palestinesi sono riusciti a ottenere un’ordinanza cautelare per congelare la demolizione per un periodo di 30 giorni.

Dalla sua apertura, la scuola ha avuto molti problemi, in particolare legati alle minacce dell’occupazione israeliana. Tuttavia, quando gli studenti hanno iniziato il loro anno scolastico, la scuola non aveva un tetto ed era solo un edificio di pietre, quindi è stato aggiunto il resto delle strutture.

Il gruppo familiare allargato Irsheidat abita nel campo beduino Ras al-Tin da oltre 40 anni, in un’area situata tra i villaggi di al-Mughayyir, Kafr Malik e Khirbet Abu Falah, a nord-est di Ramallah.

Hajj Abu Salama, il sindaco della comunità, ha affermato in una nota rilasciata in precedenza che le terre in cui vivono i residenti sono sotto il controllo palestinese, ma Israele sta cercando di bandire il loro popolo.

Abu Salama ha affermato che circa tre anni fa, le IOF hanno iniziato a consegnare avvisi ai residenti della comunità per demolire le loro tende o case provvisorie. 50 famiglie vivono a Ras el-Tin, ciascuna composta da otto membri.

Ha spiegato che gli abitanti vivono in condizioni difficili in quanto non esiste rete idrica o elettrica e non nemmeno una rete stradale. In inverno, i problemi aumentano notevolmente a causa della pioggia e della mancanza di servizi.

Le autorità d’occupazione respingono il 98% delle richieste palestinesi di permessi di costruzione nell’Area C, in Cisgiordania.

Dall’inizio di quest’anno, le Nazioni Unite hanno rivelato che le autorità israeliane hanno demolito 555 strutture in Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est. 747 palestinesi sono stati sfollati con la forza, inclusi 382 minorenni.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"