Israele criticato duramente per ‘arresti abusivi’ di bambini palestinesi

imageGerusalemme-AFP. Lunedì, Human Rights Watch ha accusato Israele di “arresti abusivi” di bambini palestinesi di un’età inferiore agli 11 anni e per l’ uso di minacce onde costringerli a firmare la confessione.

Le autorità israeliane hanno omesso di informare i genitori dell’arresto o della sorte dei loro figli, ha aggiunto l’organizzazione di New York, avvalendosi  dei racconti di alcuni bambini detenuti durante l’intensa agitazione a Gerusalemme Est e in Cisgiordania alla fine dell’anno scorso.

Sarah Leah Whitson, direttore di HRW Medio Oriente, ha esortato gli Stati Uniti a fare pressione sul suo alleato israeliano per porre fine alle “pratiche abusive” di lunga data.

Il gruppo per i diritti ha diffuso le accuse quando Ashton Carter, Segretario alla Difesa Americano, ha iniziato la sua visita in Israele.

“Le forze di sicurezza israeliane hanno usato una forza eccessiva per arrestare o detenere  bambini palestinesi”, si legge in un rapporto con i dettagli degli “arresti abusivi” di sei bambini.

“Le forze hanno soffocato i bambini, gettato granate stordenti contro di loro, li hanno picchiati mentre erano in custodia, minacciati e interrogati senza la presenza dei genitori o di avvocati, e non hanno permesso che i loro genitori conoscessero  la loro sorte”.

L’esercito di Israele, contattato da AFP, non ha rilasciato commenti sul rapporto.

L’HRW ha detto che il ministero della Giustizia militare ha risposto alle sue accuse e ha sostenuto che “i funzionari della sicurezza avevano rispettato la legge in tutti i casi, anche informando i bambini dei loro diritti”.

In un caso, Rashid S, di 11 anni, che era stato arrestato a Gerusalemme Est occupata nel mese di novembre, ha detto che gli ufficiali gli hanno messo un sacco in testa, lo hanno preso a calci e hanno abusato verbalmente di lui in arabo, secondo il gruppo per i diritti.

Rashid era stato accusato di lanciare pietre durante i mesi di disordini che hanno scosso Gerusalemme Est, prima e dopo la guerra micidiale di luglio-agosto nella Striscia di Gaza.

In Cisgiordania, Malak al-Khatib, una ragazzina quattordicenne è stata violentemente tratta in arresto con l’accusa di lanciare pietre in una strada usata da coloni ebrei, come dice sua madre a HRW.

“Quattro soldati l’hanno picchiata con qualcosa di simile a un bastone” durante l’arresto di Malak finché ha perso conoscenza, ha rifertito sua madre Khoula.

“Mentre era a terra, l’hanno presa a calci e un soldato le ha calpestato il collo”.

In ogni caso che la HRW ha documentato, le famiglie palestinesi hanno detto che le autorità israeliane “non hanno informato i genitori dell’arresto del bambino e hanno interrogato i figli senza permettere loro di parlare con un genitore o con un avvocato prima dell’interrogatorio”.

Tre bambini “hanno riferito di aver firmato confessioni scritte in ebraico, una lingua che non capiscono, dopo interrogatori in cui sono stati minacciati. Si sono fatti pipì addosso per la paura durante l’arresto, e hanno avuto incubi successivi”.

Traduzione di Edy Meroli

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"