Israele demolisce strutture nei sobborghi di Gerusalemme

Gerusalemme/al-Quds-Wafa. Mercoledì, le autorità di occupazione israeliane hanno demolito diverse strutture palestinesi nel quartiere di al-Issawiya, a Gerusalemme est, secondo fonti locali.

Jamil Abul-Hummus, il proprietario di una delle strutture demolite, ha dichiarato che la polizia israeliana e gli equipaggi municipali hanno scortato i bulldozer nel quartiere, dove i macchinari pesanti hanno demolito i suoi negozi di riparazione auto in quanto “costruiti senza licenza”.

Ha aggiunto che i bulldozer hanno anche demolito un garage per auto e due stanze appartenenti a Majed al-Mazra’awi e Darwish Darwish, con lo stesso pretesto.

Nel frattempo, la polizia e gli equipaggi municipali hanno aggredito un certo numero di venditori e hanno sequestrato le loro bancarelle a Bab al-Majles, una delle porte che conducono al complesso della moschea di Al-Aqsa.

Usando il pretesto della costruzione illegale, Israele demolisce regolarmente le abitazioni per limitare l’espansione palestinese nella Gerusalemme occupata.

Allo stesso tempo, il comune e il governo costruiscono decine di migliaia di unità abitative in insediamenti illegali per soli ebrei, a Gerusalemme est, con l’obiettivo di compensare l’equilibrio demografico a favore dei coloni nella città occupata.

Ai palestinesi di Gerusalemme est, una parte del Territorio palestinese riconosciuto a livello internazionale ma soggetto all’occupazione militare israeliana dal 1967, vengono negati i diritti di cittadinanza e sono classificati solo come “residenti” i cui permessi possono essere revocati se lasciano città per qualche anno.

Sono anche discriminati in tutti gli aspetti della vita, compresi l’alloggio, l’occupazione e i servizi, e non sono in grado di accedere ai servizi in Cisgiordania a causa della costruzione del muro di separazione israeliano.

Secondo un rapporto del gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem, l’Alta Corte israeliana potrebbe essere responsabile di crimini di guerra per le sue sentenze che hanno portato all’espropriazione dei palestinesi dalle loro proprietà nell’Area C della Cisgiordania.

Il rapporto, Fake Justice, mostra che il sostegno della corte alla politica di pianificazione israeliana equivale a sostenere l’espropriazione e il trasferimento forzato dei palestinesi, un crimine di guerra ai sensi del diritto internazionale.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"