Israele impedisce a sheikh Sabri di viaggiare per due mesi

PIC e Quds Press. Giovedì, l’agenzia israeliana di intelligence ha consegnato al predicatore della moschea di Al-Aqsa, Ekremah Sabri, un ordine che gli proibisce di viaggiare per due mesi.

Sabri, 84 anni, è stato sottoposto a diversi arresti da parte dell’occupazione israeliana, l’ultimo dei quali è stato il 10 marzo di quest’anno. È stato anche sottoposto a ripetute deportazioni dalla moschea di Al-Aqsa.

Sabri ha sempre affrontato le violazioni israeliane contro la moschea di Al-Aqsa. Si è anche opposto ai tentativi dell’occupazione israeliana di impedire la chiamata alla preghiera nelle moschee della Gerusalemme occupata.

Ha anche affrontato la decisione senza precedenti di chiudere i cortili della Moschea al-Aqsa ai fedeli.

Nel frattempo, la polizia di occupazione ha arrestato una ragazza gerosolimitana della famiglia al-Qasrawi mentre si trovava alla Porta al-Rahma nella moschea di l-aAqsa. È stata portata al centro per gli interrogatori della città santa.

Giovedì, la Gerusalemme occupata ha assistito a un inasprimento delle misure israeliane in varie aree, tra cui Al-Wad Road e l’area della Porta al-Sahira.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"