Israele: piano per 20.000 nuove abitazioni per i coloni

InsediamentiGerusalemme – AFP. Martedì il gruppo pacifista israeliano Peace Now ha riferito che Israele ha intenzione di costruire 20 mila abitazioni per i coloni in Cisgiordania, rappresentando il più importante insieme di gare di appalto da quando sono cominciate le trattative di pace. 

Il direttore di Peace Now, Yariv Oppenheimer, ha riferito ad una radio pubblica di Israele che “il ministero delle infrastrutture ha annunciato gare di appalto per la pianificazione di 20 mila case per i coloni”.

Ma l’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu ha sottolineato che si è opposto alla costruzione di 1.200 case in un’area della Cisgiordania, conosciuta come E1, zona molto contesa.

Lo stanziamento di questi fondi pubblici lascia intendere che il governo sia serio (circa l’espansione degli insediamenti ). Mentre finge di negoziare, esso prosegue nella costruzione”, ha affermato Oppenheimer.

“Ciò dimostra che il primo ministro non crede nella soluzione dei due stati per due popoli (israeliani e palestinesi), e contraddice se stesso”, ha aggiunto

L’annuncio è arrivato dopo che i negoziatori palestinesi hanno riferito di preferire non raggiungere alcun accordo di pace con Israele, piuttosto che siglare un accordo che permetta la continuazione della costruzione degli insediamenti.

In assenza della volontà politica, da parte israeliana, di prendere sul serio le trattative, riteniamo che sia meglio non raggiungere alcun accordo, che in questo senso, rappresenterebbe un fallimento”, ha dichiarato il negoziatore, Mohammed Shtayyeh, lunedì scorso.

Tali osservazioni arrivano a pochi giorni dall’ennesima visita nella regione del segretario di Stato Usa, John Kerry, allo scopo di rilanciare i colloqui di pace, che appaiono vicini al collasso, dopo appena tre mesi dall’inizio.

Shtayyeh ha accusato Israele di prendere parte ai colloqui solamente per deviare la pressione internazionale sulle sue attività negli insediamenti, proseguendo le costruzione sui territori sequestrati durante la guerra dei sei giorni, nel 1967, che i palestinesi rivendicano per il loro futuro Stato.

“Insistendo sulla costruzione degli insediamenti in Palestina, il governo israeliano sta dimostrando che non è interessato a raggiungere un accordo di pace. Essi (gli israeliani) non mostrano alcuna serietà”, ha dichiarato.

La costruzione degli insediamenti israeliani fu il motivo per cui, nel 2010, l’ultimo round di colloqui si è arrestato, a sole poche settimane dal suo avvio.

Diversi funzionari israeliani hanno sostenuto che gli annunci circa le nuove costruzioni coloniali siano stati il frutto di tacite “intese” tra le due parti, legate al rilascio di 52 prigionieri veterani, avvenuto la scorsa settimana.

Tuttavia, i palestinesi negano l’esistenza di qualsiasi accordo del genere, mentre, Kerry, nella sua ultima visita nella regione, ha sostenuto tale posizione.

Traduzione di Sonia Li Veli

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"