Israele proibisce a cristiani di Gaza di entrare a Gerusalemme e Betlemme per la Pasqua

Gaza-MEMO. Le autorità d’occupazione israeliane hanno negato i permessi di viaggio per centinaia di cristiani palestinesi di Gaza, che avevano in programma di visitare i luoghi santi a Gerusalemme e Betlemme durante la Pasqua cristiana. Il divieto israeliano è motivato dalle celebrazioni di Pessach (pasqua ebraica), secondo quanto riferito mercoledì dall’agenzia di stampa Safa.

Facendo riferimento al quotidiano israeliano Haaretz, Safa ha affermato che Israele ha permesso a soli 200 cristiani di Gaza, che hanno più di 55 anni, di recarsi in Giordania e non ha rilasciato permessi per coloro che desiderano visitare la Chiesa della Natività nella Betlemme occupata o la Chiesa del Santo Sepolcro, nella Gerusalemme occupata.

Il gruppo per i diritti umani israeliano Gisha ha segnalato reclami contro l’occupazione israeliana per quanto riguarda le restrizioni imposte alle persone che vogliono viaggiare durante la festa della Pasqua ebraica che quest’anno coincide con la Pasqua cristiana.

“Questa è una flagrante violazione della libertà di movimento, della libertà di culto e della libertà di godersi la vita familiare per i cristiani a Gaza”, ha affermato Gisha, sottolineando che Gaza è un esempio di “un’ampia politica razzista israeliana”.

Facendo riferimento al quotidiano israeliano Haaretz, Gisha ha affermato che tutto ciò mira ad approfondire la divisione tra Cisgiordania e Striscia di Gaza.

tag:

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"