Israele punisce i palestinesi nel loro stile di vita personale e espressivo quotidiano

Di Ahmed Abu Artema per Invictapalestina.org. Israele cerca di uccidere tutti gli umani che resistono e qualsiasi presenza di identità nazionale nel popolo palestinese, vietando loro di tenere qualsiasi incontro che ricordi ai palestinesi la loro lotta per la libertà.

Israele non solo continua da 72 anni la sua politica di dislocamento, occupazione e aggressione contro i palestinesi indigeni, ma la politica di Israele include anche l’accusa ai palestinesi di esprimere i loro sentimenti e di esercitare le loro attività quotidiane. Israele cerca di eliminare radicalmente la presenza palestinese.

Nella tensione diretta tra palestinesi e autorità di occupazione, a Gerusalemme, in Cisgiordania occupata, e in Palestina occupata dal 1948, i palestinesi sentono di essere assediati non solo nelle loro azioni ma anche nei loro sentimenti. Celebrare i prigionieri appena liberati o persino partecipare a qualsiasi funerale di un palestinese assassinato dalle forze di occupazione israeliane, sono violazioni, secondo la legge israeliana, che giustificano l’arresto dei palestinesi che prendono parte a tali eventi o  l’emissione di pesanti multe per somme elevate di denaro.

Amjad Abu Assab, dirigente del Comitato delle famiglie dei prigionieri di Gerusalemme, ha affermato che le autorità israeliane hanno trattenuto molti  prigionieri di Gerusalemme mentre uscivano di prigione dopo aver scontato lunghi anni di detenzione.  Questi sono stati fermati, trattenuti dalle forze israeliane e poi rilasciati dopo essere stati costretti  a firmare impegni  a non celebrare o partecipare ad azioni politiche o pacifiche, limitando così la loro libertà .

Ismael Afana, 38 anni, di Gerusalemme occupata

Ismael Afana, 38 anni, di Gerusalemme occupata, dopo aver scontato 18 anni nelle carceri israeliane, è stato nuovamente imprigionato e sottoposto a un interrogatorio presso la stazione di polizia del Russian Compound  a Gerusalemme Ovest, e poi rilasciato dopo alcuni giorni.
Come raccontano i familiari, le autorità israeliane hanno accusato Afana di aver pianificato la celebrazione della sua imminente liberazione dalla detenzione a lungo termine.

Di conseguenza, non è stato rilasciato fino a quando Afana non ha promesso per iscritto di non organizzare alcuna celebrazione o partecipare a qualsiasi attività correlata. Le autorità israeliane limitano ogni raduno pubblico palestinese, temendo sempre che gli eventi possano diventare sfide più ampie per le politiche di occupazione e dislocamento.

In questo contesto, Ali Almoghrabi, portavoce del Centro Studi  Asra (Prigionieri della Palestina), ha dichiarato: “Tali celebrazioni sono considerate uno dei metodi di resistenza popolare, quindi l’occupazione cerca di fermarle reprimendo ogni spirito di resistenza o patriottismo”.

Secondo il Palestinian Prisoners Club, gli israeliani seguono questa politica al fine di diffondere la delusione tra i palestinesi nella Gerusalemme occupata in modo che nessuno possa vedere il prigioniero come un eroe.

La politica israeliana di non celebrazione non è una novità, “Tutte le politiche israeliane utilizzate contro i prigionieri sono totalmente razzismo. Vogliono assicurarsi di seppellire l’identità palestinese da Gerusalemme in modo da dimostrare che Gerusalemme è uno stato completamente ebraico”.

Ali Almughrabi, portavoce dell’ufficio informazioni di Asra racconta che Wassem Aljallad, 42 anni, di Gerusalemme,  liberato dopo una pena detentiva di 15 anni, lo scorso luglio è stato nuovamente arrestato e trasferito  alla stazione di polizia di al-Maskubiya.

AlJallad  quando fu arrestato si era appena sposato, le forze israeliane  fecero irruzione in casa sua che era ancora in pigiama. Fu accusato di aver partecipato a operazioni militari contro l’occupazione.

Alla sua liberazione, la famiglia aveva pianificato di organizzare nuovamente la festa nuziale, ma le autorità israeliane lo hanno costretto ad annullare le cerimonie, a non festeggiare la sua liberazione e/o partecipare a qualsiasi riunione. Queste le condizioni  per liberarlo. Lo hanno anche espulso da Gerusalemme per 2 settimane, in aggiunta alle condizioni sta pagando una garanzia finanziaria di $ 1.400 (un altro importo non pagato ammonta a  $25.000). È stato rilasciato con un giorno di ritardo rispetto alla data prevista nel luglio 2019.

Mentre le autorità di occupazione esercitano restrizioni sull’espressione di felicità dei palestinesi, le restrizioni vengono applicate anche alla tristezza dei palestinesi. Le autorità di occupazione impediscono la partecipazione popolare ai funerali dei martiri, quei palestinesi che sono stati uccisi in via extragiudiziale dalle forze di occupazione israeliane.

L’IOF nega il rilascio dei corpi dei palestinesi che hanno ucciso, quindi rilascia i corpi, a condizione che solo alcuni membri della sua famiglia possano partecipare al funerale.

Il 13 febbraio, le autorità di occupazione hanno rilasciato il corpo del martire palestinese, Shadi Banna, dei “territori occupati del 48 “, dimostrando quanto sia  arrogante, l’IOF ha costretto la sua famiglia a seppellirlo, senza tenere una cerimonia funebre e con solo 40 partecipanti.

Shadi Banna aveva sparato ai soldati israeliani a Gerusalemme. La politica israeliana di impedire lo svolgimento dei funerali, mira a impedire alle persone di essere ispirate da questi martiri. Israele cerca di uccidere tutti gli umani che resistono e qualsiasi presenza di identità nazionale nel popolo palestinese, vietando loro di tenere qualsiasi incontro che ricordi ai palestinesi la loro lotta per la libertà.

Ahmed Abu Artema è un giornalista palestinese e attivista per la pace. Nato a Rafah nel 1984, è un profugo del villaggio di Al Ramla. Ha scritto il libro Organized Chaos.

Questo articolo è stato scritto in inglese da Ahmed Abu Artema per Invictapalestina.org, tradotto dalla nostra redazione e pubblicato per la prima volta il 16 febbraio 2020.

(Copertina: This photo while I was walking near the coast of the Pacific ocean in the United States).

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"