Israele sta continuando la Nakba nella Gerusalemme est occupata

The Electronic Intifada. Di Tamara Nassar. Le organizzazioni di coloni minacciano di sfrattare con la forza 15 famiglie palestinesi dalle loro case di Gerusalemme nei prossimi mesi.

Secondo il gruppo palestinese per i diritti umani Al-Haq, ciò coinvolge 37 gruppi familiari e circa 195 individui.

Le famiglie risiedono nell’area di Karm al-Jaouni del quartiere di Sheikh Jarrah e nell’area di Batan al-Hawa del quartiere di Silwan.

Lo scorso novembre i tribunali israeliani si sono pronunciati a favore dei gruppi di coloni per lo sfratto delle famiglie palestinesi.

I due gruppi sono Nahalat Shimon International – una società registrata negli Stati Uniti – e Ateret Cohanim – un’organizzazione di insediamento di destra.

Entrambe le organizzazioni aiutano il governo israeliano ad attuare la colonizzazione delle proprietà palestinesi a Gerusalemme.

Dopo sette decenni.

A febbraio, un tribunale distrettuale di Gerusalemme si è pronunciato contro un appello di sei famiglie residenti a Sheikh Jarrah contro il loro sfratto.

Peace now, movimento che vigila sugli insediamenti israeliani, ha detto che alle famiglie è stato dato “un paragrafo” ciascuna per sostenere il loro caso e rimanere nelle quattro case in cui hanno vissuto per quasi 70 anni.

Secondo Peace Now le famiglie di Sheikh Jarrah possedevano case e terreni nell’attuale Israele prima della Nakba del 1948.

Dopo essere diventati rifugiati, i membri delle famiglie palestinesi si sono trasferiti nella zona di Karm al-Jaouni, nel quartiere di Sheikh Jarrah, in case costruite dal governo giordano e dalle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi negli anni successivi alla Nakba, negli anni ’50.

In cambio della promessa di proprietà della terra e delle proprietà, le famiglie hanno rinunciato a determinati diritti che sarebbero stati loro forniti come rifugiati dall’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi UNRWA.

Quando Israele occupò la parte orientale di Gerusalemme nel 1967, il titolo legale della terra e delle proprietà non era ancora stato loro trasferito in modo appropriato.

I gruppi di insediamenti israeliani hanno approfittato del fatto che mancava tale registrazione e hanno lanciato una battaglia legale per sgomberare con la forza le famiglie.

Le sentenze del tribunale sono state rese possibili da un emendamento alla legge israeliana sulla proprietà degli assenti del 1950.

La legge consente a Israele di sequestrare terre e beni di proprietà di rifugiati palestinesi che sono fuggiti o sono stati espulsi dalle loro case durante e dopo la Nakba, la pulizia etnica della Palestina del 1948 da parte delle milizie sioniste.

In base a un emendamento del 1970 alla sua legge, Israele consentì agli ebrei di reclamare le proprietà di Gerusalemme che avrebbero lasciato nel 1948, ma non concesse lo stesso diritto ai palestinesi – una misura palesemente discriminatoria.

Il tribunale ha ordinato alle famiglie della zona di Karm al-Jaouni di lasciare le loro case entro il 2 maggio.

Ad altre famiglie è stato ordinato di andarsene entro agosto.

Mentre quelle famiglie sono costrette a lasciare le case in cui hanno vissuto per sette decenni, perché quella terra presumibilmente apparteneva agli ebrei prima della Nakba, alle stesse famiglie non è permesso di tornare nelle case da cui sono state costrette a fuggire prima del 1948 esclusivamente perché non sono ebrei.

Una Nakba in corso

Il gruppo palestinese per i diritti umani Al-Haq ha detto che Israele “applica illegalmente la legge interna israeliana al territorio occupato” implementandola a Gerusalemme est.

Una coalizione di 14 organizzazioni per i diritti umani, tra cui Al-Haq, ha inviato un appello urgente agli esperti delle procedure speciali delle Nazioni Unite all’inizio di questo mese, avvertendo di imminenti sgomberi forzati nella Gerusalemme est occupata.

“I palestinesi a Gerusalemme Est continuano a sopportare una Nakba continua, ha detto Al-Haq, “poiché continuano a vedersi negato il loro diritto inalienabile di tornare alle loro case, alle loro proprietà e alle loro terre”.

Le cause intentate dai gruppi di coloni fanno parte di una “mossa organizzata, progettata per espropriare una comunità palestinese della loro casa e stabilire un insediamento a Sheikh Jarrah al suo posto”, ha detto Peace Now.

Dall’inizio dell’anno, Israele ha demolito o sequestrato più di 30 strutture palestinesi nella Gerusalemme est occupata, costringendo più di 50 persone, oltre la metà delle quali bambini, a rimanere senza casa.

“Se il governo non interrompe gli sgomberi”, avverte Peace Now, “potremmo assistere a massicci sfratti di famiglie nei prossimi mesi”.

“Il tribunale è solo lo strumento (…) che i coloni usano con la stretta assistenza delle autorità statali per commettere il crimine di sfollare un’intera comunità e sostituirla con gli insediamenti”, ha detto Peace Now.

“Non abbiamo un posto in cui andare”.

La famiglia di Mohammed El-Kurd è una di quelle che dovrebbero essere sgomberate con la forza dalla loro casa a Sheikh Jarrah entro il 2 maggio.

“La mia famiglia sta attualmente aspettando, non lo so, che Dio faccia un miracolo”, ha detto El-Kurd, 22 anni, a The Electronic Intifada.

El-Kurd è nato e cresciuto a Gerusalemme. La sua famiglia vive nella loro casa di Sheikh Jarrah dal 1956.

A 18 anni El-Kurd si è trasferito negli Stati Uniti per proseguire gli studi.

El-Kurd ha detto di essere terrorizzato per la sua famiglia, sette membri della quale vivono nella casa di Sheikh Jarrah.

“Non abbiamo un posto dove andare, non abbiamo un posto dove stare, non abbiamo i soldi o disponibilità economica”, ha detto a The Electronic Intifada.

El-Kurd afferma che nel 2009 metà della sua casa di famiglia è stata rilevata da Elad, un’organizzazione il cui obiettivo dichiarato è quello di “giudaizzare” Gerusalemme Est trasferendovi il maggior numero possibile di coloni israeliani.

Sforzo a lungo termine.

Altre centinaia di palestinesi a Sheikh Jarrah e Silwan stanno affrontando procedimenti legali simili avviati da gruppi di coloni.

Il gruppo di monitoraggio delle Nazioni Unite OCHA ha stimato nel 2019 che circa 877 palestinesi, dei quali 391 bambini, sono minacciati di sgomberi forzati per lo più per mano di organizzazioni di coloni.

I coloni agiscono attraverso azioni legali che, secondo Al-Haq, sono “lunghe, estenuanti e inaccessibili” per i residenti palestinesi presi di mira.

I tribunali israeliani essenzialmente timbrano queste cause in modo da farle apparire come una questione legalmente risolta all’interno del sistema giudiziario israeliano quando la vera motivazione è quella di cacciare i palestinesi dalla città tutti insieme.

Israele già crea un “ambiente coercitivo” – secondo Al-Haq – per i palestinesi nella Gerusalemme est occupata, murando, isolando e distruggendo i quartieri palestinesi, costringendo infine la popolazione palestinese a lasciare la città.

Occhi su Sheikh Jarrah.

Gli occhi dei coloni sono puntati sul quartiere di Sheikh Jarrah da tempo.

L’Israel Land Fund, un’organizzazione di insediamenti di destra che mira a spingere i palestinesi fuori dalla loro terra e sostituirli con ebrei israeliani, è un attore chiave in questo sforzo.

Arieh King, il direttore e fondatore dell’organizzazione, ha dichiarato al Jerusalem Post nel 2017 che “Sheikh Jarrah, o Shimon Hatzadik, sta attraversando una rivoluzione e vedremo il suo esito in qualcosa come cinque anni”.

L’Israel Land Fund pubblicizza una “opportunità di investimento” sul suo sito web per incoraggiare gli investitori ad acquistare appezzamenti di terreno nell’area “Nahalat Shimon”, un nome dato a un’area che comprende la maggior parte di Sheikh Jarrah e altre parti della Gerusalemme est occupata, dove vivono i palestinesi.

Il gruppo non nasconde il suo obiettivo finale: “Il nostro obiettivo è acquistare la maggior parte degli appezzamenti nella zona” e chiaramente ripulirli dagli “arabi che ci hanno costruito illegalmente o li stanno affittando”.

Michael Lynk, il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla Palestina, ha avvertito dell’imminente sgombero dei palestinesi dalla città all’inizio di quest’anno.

Lynk ha detto che le aree mirate “non sono casuali, ma sembrano essere strategicamente focalizzate su un’area di Gerusalemme Est conosciuta come il bacino storico”.

Peace Now e Ir Amim, un gruppo israeliano che documenta l’attività di insediamento a Gerusalemme, hanno affermato in un rapporto del 2016 che l’obiettivo dei gruppi di insediamento è quello di “consolidare il controllo ebraico” del cosiddetto bacino storico e creare una realtà demografica “irreversibile” sul terreno.

Nel mese di febbraio Israele ha demolito, costretto le persone a demolire e sequestrato più di 150 strutture palestinesi.

“Questa è la quarta cifra più alta registrata in un solo mese” da quando, nel 2009, il gruppo di monitoraggio ha iniziato a documentare con sistematicità. Di conseguenza, Israele ha reso senzatetto più di 300 palestinesi.

Nonostante l’inesorabile guerra di Israele contro i palestinesi nella Gerusalemme est occupata, i palestinesi sono determinati a restare.

“Non ho alcun senso di identità al di fuori di Sheikh Jarrah. Non ho alcun senso di appartenenza al di fuori di Sheikh Jarrah”, ha detto El-Kurd a The Electronic Intifada.

Traduzione per InfoPal di Stefano Di Felice

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"