La cultura e la storia della Palestina sotto i riflettori dopo un accordo turistico con l’Europa

IMEMC. Un accordo firmato tra Masar Ibrahim al-Khalil e i rappresentanti di sette paesi europei, lunedì sera 21 maggio, ha compiuto un significativo passo avanti per il turismo palestinese, ha affermato il sindaco di Betlemme.

L’accordo tra la Union of European Cultural Trails, che opera nel percorso Pan-europeo di San Giacomo, e Masar Ibrahim, sta cercando di ampliare la collaborazione e l’impegno interculturale tra le due organizzazioni.

Il sindaco Anton Salman ha lodato tale accordo dicendo che si tratta di “un passo alquanto promettente, che contribuisce all’attivazione di un nuovo tipo di turismo che getta luce sulla cultura, la storia e la natura allo scopo di sviluppare e incrementare il  turismo”.

“A seguito di questo accordo saremo capaci di promuovere il turismo sulla base di aspetti storici e culturali al di là della cornice religiosa nella quale abbiamo confinato noi stessi”, ha aggiunto il sindaco durante un’intervista con PNN.

Il vice-ministro del turismo, Ali Abu Sorour, ha lodato l’accordo dal momento che è in linea con il lavoro del ministero riguardo alla diversificazione del settore del turismo e della promozione di organizzazioni che si basano sull’ambiente, la cultura e la storia palestinese.

“Ci stiamo concentrando sul supporto di percorsi che abbiano una base politica, economica ed educativa – ha dichiarato Sorour in un’intervista rilasciata a PNN -. I percorsi sono stati recentemente introdotti nei progetti del turismo palestinese e siamo entusiasti di imparare dai paesi che ci hanno preceduto in questo campo. Penso che i paesi dell’UE abbiano una buona esperienza e impareremo da loro”.

Il presidente del consiglio di amministrazione di Masar Ibrahim, Raed Saada, ha lodato l’accordo considerandolo importante per lo sviluppo a lungo termine del turismo in Palestina.

“Abbiamo lavorato con molti paesi sulla nostra specializzazione nel turismo di comunità – ha detto Saada – e questo genere di accordi sono un beneficio per noi non solo per il momento presente, ma anche a lungo termine, sperando che il turismo in Palestina si sviluppi. La nostra presenza sulla mappa mondiale è un’opportunità affinché la Palestina si liberi dell’immagine negativa che viene presentata dai media occidentali”.

Simone Pettirossi, che ha presenziato alla conferenza per conto del Consiglio Europeo, ha condiviso i punti di vista dei suoi omologhi palestinesi nel riconfermare le opportunità presentate dall’accordo.

“Siamo venuti in Palestina con una delegazione veramente nutrita proveniente da molti paesi europei – ha affermato -. Sono contento di essere qui e di imparare molte cose che non so su Betlemme”.

Pettirossi ha aggiunto che si tratta di un accordo concepito per scambiare esperienze.

Masar Ibrahim organizza spedizioni di hiking allo scopo di sensibilizzare e impegnare la comunità in tematiche storiche e ambientali. Questi viaggi attraggono visitatori locali e internazionali.

Al momento, Masar Ibrahim organizza eventi della durata di 21 giorni (Thruhike) che offrono agli hiker l’opportunità di attraversare più di 55 comunità in Palestina seguendo i passi di Abramo.

Il sentiero di San Giacomo è un sentiero pan-europeo che attraversa la Spagna e l’Europa orientale, conosciuto anche con il nome di Cammino di Santiago.

Il sentiero segue i passi del cristiano San Giacomo ed è solitamente utilizzato dai pellegrini cristiani e da persone amanti di natura e storia.

Alcune sezioni nel nord della Spagna e della Francia sono protette dall’Organizzazione educativa, scientifica e culturale delle Nazioni Unite (UNESCO).

Traduzione per InfoPal di Laura Pennisi

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"