La deputata palestino-americana vince le primarie

MEMO. La deputata Rashida Tlaib ha vinto le primarie contro lo sfidante democratico dell’establishment, riportando la vittoria mercoledì contro il presidente del Consiglio comunale di Detroit Brenda Jones, riferisce Anadolu.

Tlaib, un parlamentare di alto livello che fa parte del gruppo progressista di parlamentari donne noto come la “squadra”, ha ringraziato i sostenitori in una dichiarazione pubblicata su Twitter, ma ha sottolineato che “il lavoro continua”.

“I titoli dicevano che ero il membro più vulnerabile della Squadra”, ha affermato. “La mia comunità ha risposto ieri sera dimostrando che la nostra squadra è grande. Composta da persone che credono nell’aiuto reciproco e nelle persone rispetto ai profitti. Siamo qui per restare e ciò sta diventando sempre più grande”.

Tlaib è una delle prime due donne musulmane elette al Congresso degli Stati Uniti.

Ha concorso contro Jones nel 13° distretto del Michigan, che comprende zone di Detroit, il centro urbano più importante dello Stato e i suoi sobborghi. Ha ottenuto il 66% dei voti con l’87% dei seggi, secondo i dati dell’ufficio del Wayne County Clerk citati dal quotidiano Detroit News.

Tlaib si era assicurata un’importante raccolta fondi e l’approvazione del senatore Bernie Sanders, il portabandiera progressista dei liberali che però non è riuscito a ottenere la nomination democratica alle elezioni nazionali di novembre.

“Congratulazioni @RashidaTlaib per la tua rielezione! Più che mai, l’America ha bisogno della tua leadership per affrontare l’avidità e la corruzione dell’establishment economico “, ha detto Sanders su Twitter.

Tlaib dovrà ora affrontare il vincitore delle primarie repubblicane, ma si prevede che il posto rimarrà nelle mani dei democratici a novembre.

Oltre a Tlaib, anche la collega progressista Pramila Jayapal sembra avvantaggiata per vincere le primarie.

Traduzione per InfoPal di Chiara Parisi

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"