La Guerra Sionista senza fine

Palestinechronicle.com. Di Jeremy Salt. Una reiterazione della guerra in Palestina, sul mondo arabo, sul mondo musulmano, sul diritto internazionale e sui diritti umani. Non c’è altro modo per descrivere l’accordo di Trump-Kushner-Netanyahu.

Il commento dei media si concentra sull’ultima opportunità per i palestinesi. Prenderanno gli scarti che gli vengono offerti o perderanno l’ennesima opportunità di avere qualcosa che gli viene tolto?

Questa era la linea usata per decenni dal sionista “ministro degli Esteri” di origine irlandese, Aubrey (Abba) Eban. I palestinesi non perdono mai un’occasione per perdere un’opportunità, ha detto molte volte.

In effetti, se qualcuno non ha mai perso un’occasione per perdere un’opportunità, sono i sionisti. Avrebbero potuto scegliere di vivere con i palestinesi invece che contro di loro. Avrebbero potuto accettare il loro ritorno dopo il 1948. Avrebbero potuto restituire la terra che avevano sequestrato nel 1967. Avrebbero potuto onestamente impegnarsi con il cosiddetto “processo di pace”. Avrebbero potuto porre fine al blocco di Gaza. Avrebbero potuto smettere di impadronirsi e colonizzare la terra di un altro popolo. Avrebbero potuto concordare di condividere Al-Quds. Avrebbero potuto fermare i loro omicidi e assassini.

Quello che avrebbero potuto fare non lo hanno mai fatto. Invece, si sono diretti nella direzione opposta, finanziati, armati, protetti e incoraggiati dalla nazione più potente del mondo.

Un volgare costruttore edile, che una volta aveva fatto pubblicità per Pizza Hut, ha ora detto al suo amico colono sionista che può avere in sorte la Palestina. Non manca nulla, non Gerusalemme, non la Valle del Giordano e non gli insediamenti illegali – gli “avamposti” – così come quelli legali, così afferma Netanyahu. Sono tutti completamente illegali, ovviamente, così come la presenza di ogni colono sulle terre occupate.

Questo patto è stato messo insieme da Jared Kushner, faccia di plastica, che ha affermato di aver letto ben 25 i libri per farsi un’idea della situazione. In confronto, è improbabile che Trump ne abbia letto uno, quindi non c’è da stupirsi se pensa che suo genero sia un genio.

Questo “affare” – un accordo senza basi- viene preso sul serio dai media mainstream. In un certo senso, ovviamente, deve essere preso sul serio in quanto i sionisti hanno le armi per fare quello che vogliono, non importa quanto siano pazzi, rapaci o distruttivi dei propri interessi a lungo termine.

E questo è qualcosa che i media sembrano aver perso. Per chi, davvero, questo piano è l’ultima opportunità? Il presupposto è che sia per i palestinesi, ma Trump e Kushner hanno notato che, mentre i palestinesi non hanno le armi, hanno i numeri dal momento che già la popolazione musulmano-cristiana della Palestina tra il Mediterraneo e il fiume Giordano è maggiore rispetto alla popolazione ebraica.

È sciocco chiederlo, ma uno di questi due ha tenuto conto dell’entroterra musulmano, della popolazione musulmana del Medio Oriente e del Nord Africa (quasi 600 milioni) e della popolazione musulmana mondiale (circa 1,8 miliardi)?

In confronto, la popolazione ebraica della Palestina occupata è inferiore a sette milioni. Lungi dal cercare di inserirsi nel mondo musulmano, nel corso di oltre sette decenni non ha fatto altro che opporsi. Come un bambino viziato, allora si lamenta che non piace a nessuno, che la vera ragione del disgusto musulmano dello stato sionista è l’antisemitismo, e non il suo comportamento razzista, omicida e ladro.

Questo è il gioco all’infinito dalla lobby sionista di tutto il mondo. Si nasconde dietro i simboli della religione di cui s’è appropriata. La stella di David vola dai gagliardetti dei carri armati che bombardano condomini a Gaza ed è inscritta sulle ali degli aerei che distruggono intere famiglie con missili.

È scarabocchiata trionfalmente sulle pareti della Cisgiordania. Questo è Israele che i lobbisti e i rabbini hanno difeso dietro le loro accuse contro Jeremy Corbyn. È lui che voleva porre fine a questi orrori e loro, dietro le loro bugie e false accuse di antisemitismo contro Corbyn e l’intero Partito laburista, volevano lasciare lo stato sionista libero di portarli avanti. Sono loro i razzisti e i semiti anti-arabi, non Jeremy Corbyn.

La Palestina rimane parte della storia e dell’identità araba e islamica e rimane una causa araba e musulmana qualunque sia l’esasperazione provata dai governi arabi e le politiche confuse e/o collaborazioniste della leadership palestinese.

Da soli, i palestinesi non avevano alcuna speranza di resistere all’acquisizione sionista della loro terra. Il sionismo era un progetto imperiale e lo stato sionista era sostenuto in sequenza dai due più potenti imperi del pianeta, prima la Gran Bretagna e poi gli Stati Uniti. Nessun piccolo gruppo di persone avrebbe potuto resistere al proprio potere.

Il pericolo maggiore per Israele risiede sempre nel mondo arabo e musulmano circostante. George Habash, il fondatore del PFLP (Popular Front for the Liberation of Palestine) stava scrivendo negli anni ’50 che la strada per la liberazione della Palestina attraversava il mondo arabo e questo rimane vero oggi come lo era allora, anche si deve aggiungere “e il mondo musulmano”.

Israele lo capì proprio come George Habash e sapeva che se doveva sopravvivere a lungo termine, il mondo arabo doveva essere frammentato, sovvertito, dominato e tenuto fuori equilibrio in modo permanente. Questa era la condizione sine qua non dell’esistenza di Israele. I legami che legavano insieme gli stati, che legavano insieme la regione e la collegavano con il più vasto mondo islamico dovevano essere spezzati.

Non furono solo gli eserciti e gli stati che dovettero essere infranti, ma l’idea nazionale araba e il mondo arabo come presenza nella storia e luogo sulla mappa. Doveva essere quello che Israele e gli Stati Uniti volevano che fosse. Doveva essere rifatto.

A tal fine, i sionisti erano alla ricerca di collegamenti deboli nella catena degli stati arabi anche negli anni ’30. Pensavano di aver trovato i più deboli in Libano, dove speravano di istituire un governo fantoccio cristiano. Non solo questo non ha funzionato, ma dall’ascesa di Hezbollah, l’anello più debole della catena si è trasformato in uno dei più forti.

Il piano Yinon degli anni ’80 delineava la strategia in pieno. Tutti gli stati mediorientali dovevano essere sottoposti a divisione etno-religiosa o tribale. Questa ampia sceneggiatura è stata messa a punto da Netanyahu e dai sionisti all’interno dell’amministrazione statunitense negli anni ’90.

L’Iraq è stato il primo dei sette stati a essere colpiti dalla distruzione. La distruzione attraverso due guerre e un decennio di sanzioni fu enorme ma la strategia politica fallì. Lo stato curdo in atto, progettato da Stati Uniti e Israele come un nuovo centro per le operazioni strategiche in Medio Oriente, è crollato. Il governo a Baghdad, dominato dagli sciiti, mantiene buoni rapporti con l’Iran e in seguito all’assassinio di Qasim Soleimani il parlamento iracheno ha richiesto il completo ritiro delle forze statunitensi. Milioni di persone hanno marciato per le strade delle città irachene come hanno fatto in Iran per piangere l’omicidio di questo eccezionale comandante militare. Il sentimento anti-americano in Iraq è ai massimi storici.

La guerra in Siria fu progettata per abbattere l’asse di resistenza (Iran, Siria e Hezbollah) al suo arco centrale, ma anche questo ha fallito. La Siria, il suo popolo e i suoi militari hanno resistito al tentativo più risoluto mai fatto di distruggere un governo arabo.

Sempre popolare, Bashar al Assad è ora più popolare che mai, poiché l’esercito, sostenuto dall’aeronautica russa, guida i terroristi takfiri dal loro ultimo abbattimento nella provincia di Idlib. Le città siriane sono state distrutte, forse mezzo milione di persone sono state uccise ma anche la strategia politica americano-israeliana in Siria è fallita.

Per chiunque abbia osservato abbastanza da vicino, la ruota della storia, una volta girata a favore di Israele, si è lentamente rivolta contro di essa per decenni. Israele si avvicinò alla sconfitta nella prima settimana della guerra del 1973. Spinse l’OLP fuori dal Libano solo per risvegliare un nemico molto più potente, Hezbollah. In ogni guerra che ha combattuto o operazione lanciata, l’uso spietato della potenza aerea è stato fondamentale. Tuttavia, nonostante la copertura aerea, la sua fanteria fu scacciata dal Libano meridionale nel 2000 e, sconfitta dai soldati part-time di Hezbollah, fu nuovamente umiliata al suo ritorno nel 2006.

Hezbollah e l’Iran hanno lavorato per decenni per neutralizzare la potenza aerea di Israele. Se  riusciranno a farlo, Israele sarà nei guai seri sul campo di battaglia.

Minacciato ripetutamente dalla distruzione da parte degli Stati Uniti e di Israele, l’Iran ha dovuto sviluppare una nuova gamma di missili in grado di causare devastazioni alle basi, agli aerei e alle navi da guerra statunitensi nella regione. La rappresaglia che seguì all’omicidio di Qasim Soleimani fu un esempio. Gli americani non sono riusciti a fermare nemmeno uno dei missili iraniani diretti contro due delle sue basi in Iraq.

Gli aerei sono stati distrutti nei loro hangar e mentre nessun soldato è stato ucciso – così dice il governo degli Stati Uniti – decine hanno subito gravi lesioni cerebrali, apparentemente a causa di commozione cerebrale, con diversi portati in Germania per cure di emergenza. L’Iran afferma che le vittime sono di gran lunga maggiori di quanto gli Stati Uniti siano disposti ad ammettere.

Hezbollah ha i suoi stock di missili, molto più numerosi in termini di numero e raffinatezza rispetto al 2006, e i suoi obiettivi sono già stati messi a punto per la prossima guerra. Come chiariscono i comandanti militari israeliani, la prossima guerra è una questione di “quando” e non di “se”. Stanno avvertendo la popolazione civile di essere preparata per la scala senza precedenti delle vittime che ci saranno.

Quindi, per chi suona davvero la campana adesso, i palestinesi o i sionisti? Gideon Levy scrive che l’accordo Kushner-Trump probabilmente scatenerà una terza nakba. Questo non è corretto, dato che c’è stata solo una nakba, che continua ormai da più di sette decenni.

David Hearst, su Middle East Eye, pensa che tutti i palestinesi debbano stare vicini, perché, tra il Mediterraneo e il fiume Giordano, vinceranno la guerra dei numeri, se non l’hanno già vinta. Di conseguenza, una volta vinta la guerra dei numeri, vincono la guerra stessa. Lo stato sionista troverà la ragione e si trasformerà nello stato democratico secolare che i palestinesi hanno sempre desiderato, con uguali diritti per tutti. Dato che sarebbero la maggioranza, dovrebbero essere l’elemento dominante in qualsiasi governo liberamente eletto. L’incubo dei sogni sionista sarebbe finito.

Non è probabile che ciò accada. Il sionismo è un’ideologia estremista e i politici che gestiscono lo stato sionista ora sono i più estremisti dalla sua fondazione. Non si arrenderanno a causa della demografia. Cercheranno semplicemente di fare di più per superare il problema. Vogliono ancora tutti i palestinesi fuori dalla Palestina o per lo meno ridotti a un residuo etnico irrilevante. Tra lo stato di apartheid e quello democratico, questa è la loro soluzione preferita.

Ciò di cui hanno bisogno è un’altra guerra che consenta loro di abbattere i loro nemici esterni e contemporaneamente risolvere il “problema della Palestina” una volta per tutte. Se (o meglio quando) scoppierà una guerra del genere, Hezbollah sommergerà lo stato sionista con missili in numero tale da sopraffare i suoi sistemi di difesa.

I palestinesi saranno determinati a rimanere saldi, ma nella nebbia della guerra, mentre il mondo sta guardando altrove, attacchi missilistici alle basi statunitensi e impennata dei prezzi del petrolio a seguito della chiusura dello Stretto di Hormuz, forse potranno di nuovo essere costretti alla fuga con il terrore. Anche i palestinesi più saldi hanno delle famiglie da proteggere e se non andranno, il livello di terrore dovrà essere aumentato solo fino a quando non fuggiranno. Questo è il calcolo malvagio applicato prima e probabilmente una volta che si presenterà l’occasione o, più precisamente, potrà essere creato.

Chi vuole una simile guerra? Non i palestinesi, né Hezbollah o l’Iran, sebbene non abbiano avuto altra scelta che prepararsi. Chi ha creato le condizioni per una simile guerra, decennio dopo decennio fino al punto in cui deve essere considerata inevitabile a meno che “gli arabi” e i musulmani non siano davvero gli inutili “orientali”dell’immaginazione occidentale, pronti a essere presi a calci senza fine? Israele ha, con il suo comportamento vergognoso.

Lo stesso vale per gli Stati Uniti e anche l’Occidente in generale, i suoi governi, i suoi media e le sue istituzioni (dov’è stato il segretario generale delle Nazioni Unite, il tutore morale della pace nel mondo, durante gli otto atroci anni di guerra contro la Siria? A nascondersi in un armadio?). È “l’Occidente” genericamente che ha creato Israele e gli ha permesso di cavarsela con guerre, pulizia etnica, massacri, omicidi e occupazione generazione dopo generazione.

Forse una battuta d’arresto sconvolgente è tutto ciò che porterà questo stato assolutamente pericoloso alla coscienza. Certo, c’è sempre la possibilità che si spingerà oltre il limite e userà le sue armi nucleari, trasformando le terre centrali del Medio Oriente in una terra desolata, ma almeno vincerà sui suoi nemici con una vittoria di Pirro. Queste sono tristi possibilità, ma devono essere prese sul serio.

– Jeremy Salt ha insegnato all’Università di Melbourne, alla Bosporus University di Istanbul e alla Bilkent University di Ankara per molti anni, specializzandosi nella storia moderna del Medio Oriente. Tra le sue pubblicazioni recenti c’è il suo libro del 2008, The Unmaking of the Middle East. Una storia di disordine occidentale nelle terre arabe (University of California Press). Ha contribuito con questo articolo a The Palestine Chronicle.

Traduzione per InfoPal di L.P.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"