La marina israeliana rapisce 2 pescatori di Gaza

Gaza-PIC e Quds Press. Giovedì la marina di occupazione israeliana ha rapito due pescatori e sequestrato la loro barca al largo della costa meridionale della Striscia di Gaza.

Secondo fonti locali, cannoniere israeliane hanno sparato munizioni e cannoni ad acqua contro i pescatori e le loro barche mentre lavoravano al largo di Rafah, la scorsa notte.

Le forze navali hanno rapito due pescatori dopo aver circondato la loro barca e averla confiscata, hanno aggiunto le fonti.

La marina israeliana prende di mira quotidianamente i pescatori di Gaza, molestandoli, sparando contro di loro, danneggiando le loro barche e facendo arresti. A volte i pescatori vengono feriti o uccisi durante gli attacchi.

Secondo gli accordi di Oslo del 1993, ai pescatori palestinesi è consentito pescare fino a 20 miglia nautiche al largo della costa di Gaza, ma da allora Israele ha continuato a ridurre gradualmente l’area di pesca fino a un limite di tre miglia nautiche come parte del suo blocco su Gaza.

Pescatori e gruppi per i diritti umani affermano inoltre che dalla guerra del 2008-2009 a Gaza, l’esercito israeliano ha regolarmente imposto un limite ancora più vicino alla costa.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"