La Palestina chiede ai Paesi Arabi di rifiutare normalizzazione con Israele

Palestinian Foreign Minster Riyad al-Maliki (R) delivers a speech during an emergency ministerial meeting of the Organisation of Islamic Cooperation (OIC) in Jeddah on 3 February 2020, to address US President Donald Trump's Middle East plan. [AMER HILABI/AFP via Getty Images]MEMO. Il ministro degli Esteri palestinese, Riyad Al-Maliki, mercoledì ha invitato i Paesi arabi a rifiutare il trattato di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele. “Rifiutiamo la normalizzazione degli Emirati e speriamo che voi sosteniate la nostra stessa posizione”, ha dichiarato Al-Maliki durante la riunione dei ministri degli Affari esteri della Lega Araba. “Come se quello che stanno facendo l’occupazione e l’amministrazione americana non fosse abbastanza per noi”, ha aggiunto Al-Maliki.

Il 13 agosto, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato un accordo di pace tra gli Emirati Arabi Uniti e Israele, mediato da Washington.

Al-Maliki ha descritto il trattato come un terremoto che ha colpito la posizione araba. Ha aggiunto che “la dichiarazione tripartita americano-israeliano-emiratina rappresenta quel terremoto e invece di essere sostenuti dagli arabi, ci siamo trovati nella situazione di difendere da soli la nostra causa, e ci siamo trasformati in piantagrane da biasimare”.

Al-Maliki ha chiarito che la Palestina ha chiesto che si tenga una riunione di emergenza per discutere l’accordo di normalizzazione, ma un altro stato arabo ha rifiutato. “Dopo aver accettato una sessione regolare, lo stesso stato ci ha sorpreso quando ha obiettato, aggiungendo una clausola che prevede la discussione di affari recenti, mentre un altro stato ha minacciato di presentare una bozza per una decisione sostitutiva”.

Sebbene il funzionario palestinese non abbia menzionato lo stato in questione, ci sono state speculazioni sui media secondo cui il Bahrein si sarebbe opposto a una riunione di emergenza da tenersi dopo l’annuncio dell’accordo.

Al-Maliki ha ringraziato i paesi arabi che “hanno rifiutato di essere ricattati dal segretario americano degli Affari esteri per far sì che si precipitassero verso la normalizzazione”.

Ha continuato a criticare i paesi arabi per non aver rispettato i loro impegni nei confronti della Palestina, “che si tratti di fornire una rete finanziaria sicura, o sulle posizioni politiche dell’amministrazione americana, iniziando con il trasferimento dell’ambasciata e il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele, e terminando con il trattato di pace di Trump”.

Al-Maliki ha rinnovato le richieste di impegno nell’Iniziativa Araba del 2002 che collega la normalizzazione al ritiro dalle terre occupate nel 1967.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"