La squadra USA lascia Israele senza un accordo sulla data di annessione

MEMO  e Palestine Chronicle. Una squadra di funzionari statunitensi ha lasciato Israele senza raggiungere un accordo su quando avverrà l’annessione pianificata della Cisgiordania occupata da parte dello stato di occupazione, ha riferito mercoledì Al-Watan Voice.

Guidato dal rappresentante speciale degli Stati Uniti per il Medio Oriente, Avi Berkowitz, il team ha incontrato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, il ministro degli esteri Gabi Ashkenazi e il primo ministro supplente e il ministro della Difesa Benny Gantz, nel tentativo di prendere una posizione unitaria sul piano di annessione.

Netanyahu ha affermato che le discussioni del suo governo con gli Stati Uniti sull’annessione continueranno “nei prossimi giorni”.

L’annessione avrebbe dovuto iniziare mercoledì 1° luglio, secondo una scadenza fissata da Netanyahu. Parlando alla radio dell’esercito, tuttavia, il ministro della cooperazione regionale, Ofir Akunis, ha affermato che l’annessione “accadrà sicuramente a luglio”, ma deve essere fatta in collaborazione con gli Stati Uniti, aggiungendo che “avverrà solo dopo una dichiarazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump”.

I palestinesi credono che il piano di Israele vedrà lo stato di occupazione impadronirsi illegalmente del 30% della Cisgiordania. Hanno affermato di non essere più vincolati da trattati concordati con Israele se l’annessione procederà.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"