L’agricoltura nella Valle del Giordano sull’orlo del collasso

Valle del Giordano – PIC. “Il settore dell’agricoltura nel nord della Valle del Giordano è in crisi a causa delle recenti misure prese da Israele riguardo alla distribuzione dell’acqua nell’area. ‘Il ricco cesto’ della Palestina si dirige verso un futuro incerto”.

Con queste parole Mohammed Sawafta, un contadino palestinese della città di Bardala nel nord della Valle del Giordano, ci ha parlato della nuova decisione di Israele di negare l’accesso all’acqua ai palestinesi. Questa decisione prenderà effetto tra due mesi.

La decisione è stata presa dopo che la rete idrica sotto il controllo israeliano nella valle del Giordano è stata cambiata completamente.

Sawafta ha affermato: “A Bardala, Karda, Ein al-Baida e al-Maleh, ci sono circa 8.000 dunums di terra coltivate che necessitano di irrigazione durante l’anno. Queste colture rappresentano una parte importante dell’approvvigionamento di verdure per il nord della Cisgiordania che dipende dalle acque fornite dalla compagnia israeliana di Mekorot dal 1970.

“Anni dopo l’occupazione della Cisgiordania, avvenuta nel 1967, Israele ha proibito ai palestinesi l’uso delle acque provenienti dai pozzi artesiani che furono scavati durante l’annessione della Cisgiordania alla Giordania per l’agricoltura. In cambio, fu promesso ai palestinesi l’approvvigionamento delle acque tramite la compagnia Mekorot”.

Sawafta ha aggiunto: “Mesi fa, l’autorità di occupazione israeliana ha cambiato tutte le reti idriche nell’area e ha aggiunto dei sensori e altri dispositivi di controllo. Ci hanno detto che smetteranno di fornirci l’acqua tra due mesi, ciò significa ovviamente un arresto totale delle attività di agricoltura e un disastro economico”.

Assenza di supporto.

Il contadino Naser Daraghmeh ha raccontato: “Stiamo affrontando tutto questo da soli. Nessuno ci supporta e il governo [palestinese] e le autorità delle acque non sanno fare altro che promesse.

“Stiamo cercando di superare le misure di occupazione israeliana scavando dei pozzi. Pochi giorni fa, le forze di occupazione hanno fatto irruzione nell’area e hanno confiscato gli strumenti che stavamo usando per costruire un nuovo pozzo. Vogliamo solo che il governo ci aiuti quando i nostri strumenti vengono confiscati per poter continuare a costruire pozzi e trovare una fonte di acqua alternativa”.

L’attivista Feras Badran ha affermato che il problema non si limita all’agricoltura. Anche il bestiame è minacciato dalle misure israeliane; gli allevatori devono acquistare serbatoi d’acqua per fornire acqua ai loro animali, il che costa loro 20-30 NIS ciascuno (quasi 7 $). “Prezzi folli”, ha sottolineato.

“Gli allevatori fanno leva sulle vendite di formaggi e prodotti caseari per coprire i costi di cibo e acqua per il loro bestiame. I prezzi sono già bassi e quando questo coincide con i prezzi irragionevoli per l’approvvigionamento idrico, l’allevamento diventa inutile. Ciò richiede politiche agricole di sostegno nel Jordan Valley con uno stile diverso”, ha aggiunto Badran.

Controllo completo dell’acqua.

Aref Daraghmeh, esperto palestinese, ha affermato che il processo di controllo delle risorse idriche palestinesi è iniziato decenni fa quando le autorità israeliane hanno bloccato le sorgenti d’acqua nell’area e hanno deviato i loro corsi per farli confluire nei pozzi sotterranei scavati da Israele.

Sulla base di statistiche ufficiali, ha osservato, le autorità di occupazione israeliane consumano circa l’80% dei bacini idrici condivisi con i palestinesi, mentre l’80-95% delle aree di alimentazione di questi bacini si trova nei territori palestinesi.

Daraghmeh ha sottolineato che il furto d’acqua palestinese di Israele è il risultato di un’occupazione contraria a norme e leggi internazionali e condannata dalle risoluzioni delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale.

La Valle del Giordano si trova su uno dei principali bacini idrici della Palestina, ma nonostante ciò questi sono vietati agli autoctoni. La maggior parte della popolazione ottiene l’acqua trasportandola attraverso cisterne, il che riduce le loro capacità finanziarie nella guerra di sopravvivenza che è stata loro imposta.

Traduzione per InfoPal di Chiara Parisi

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"