L’ambasciata italiana e gli attivisti arrestati a Gaza.

Riceviamo da Luisa Morgantini e pubblichiamo.

 

Ciao,
sono in contatto con l’ufficio consolare di Tel Aviv, in questo momento Andrea Filip dell’Ambasciata Italiana si sta recando all’aereoporto Ben Gurion dove è stato trasferito Vittorio Arrigoni.
Ovviamente le dichiarazioni del Minsitero degli Esteri e dell’Interno israeliani sostengono che la barca sulla quale erano gli attivisti, stava dirigendosi verso le imbarcazioni israeliane per superarle e forzare il blocco.
Ad ogni modo vi faro’ avere notizie, appena riparlero’ con Andrea Felip, che si è recato appunto all’aereoporto ma che non ha ancora la sicurezza di poter incontrare Vittorio, il che naturalmente sarebbe un’ennesima violazione della legalità da parte del governo Israeliano, visto che gli accordi consolari prevedono le visite ai cittadini italiani che vengono detenuti.
Intanto sarebbero utili lettere come quella di Fallisi anche al governo italiano.
Ciao
Luisa Morgantini

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"