L’ANP condanna incendio israeliano di una moschea in Cisgiordania

Wafa. Lunedì, il primo ministro Mohammad Shtayyeh e altri funzionari palestinesi hanno  condannato l’incendio doloso dei coloni israeliani di una moschea nella città di Al-Bireh in Cisgiordania, descrivendola come un atto criminale e razzista.

I coloni israeliani sono penetrati a al-Bireh dal vicino insediamento illegale israeliano di Psagot e hanno dato fuoco a parti di una moschea locale e hanno scritto graffiti razzisti sulle sue pareti, come “assedio agli arabi” e “questa terra è per gli ebrei”.

Shtayyeh ha dichiarato all’inizio della riunione del gabinetto settimanale tenutasi a Ramallah che l’incendio doloso è considerato un atto criminale e che ritiene responsabile il governo israeliano.

“Questo è un atto criminale e razzista e riteniamo l’autorità di occupazione pienamente responsabile per esso e per gli atti e la crescente violenza dei coloni”, ha aggiunto.

“Il Ministero, pur prendendo molto sul serio gli attacchi dei coloni contro i luoghi di culto, ritiene il governo israeliano e il suo primo ministro pienamente e direttamente responsabili di questo attacco”, ha affermato in una nota.

Il segretario generale del Comitato esecutivo dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina, Saeb Erekat, ha definito l’incendio “razzismo e apartheid”.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"