Le fazioni palestinesi rifiutano il messaggio di apertura di Bush a Annapolis: ‘Cancella il diritto al ritorno dei rifugiati’.

Gaza – Infopal

Leader palestinesi delle varie fazioni hanno rifiutato il discorso che il presidente statunitense George W. Bush ha programmato di indirizzare oggi in occasione dell’apertura della Conferenza di "pace" di Annapolis, nel Maryland.

Secondo il quotidiano israeliano Ha’aretz, Bush ha dichiarato: "Israele è la patria del popolo ebraico e la Palestina la patria dei Palestinesi".

Il portavoce di Hamas, Salah Bardawil, ha fatto notare che tale annuncio è inconsistente, in quanto i territori palestinesi sono sotto occupazione israeliana.

E ha invitato gli Arabi e i Palestinesi a rifiutare il messaggio di Bush perché "cancella il diritto dei Palestinesi espulsi dalla Palestina nel 1948 a far ritorno in patria". E ha aggiunto che tali affermazioni sono "più pericolose della dichiarazione Belfour, nel 1917" (quando il governo britannico ha dato sostegno al progetto di creazione di un "focolare ebraico" in Palestina, ndr).

Analogo rifiuto e preoccupazione sono stati espressi dai dirigenti del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina – FPLP e da altri gruppi politici palestinesi.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"