Le forze israeliane invadono il campo di Amari e arrestano Palestinese accusato di aver ucciso un soldato

Ramallah-PIC. Scontri violenti sono scoppiati mercoledì mattina tra giovani locali e forze di occupazione israeliane (IOF) nel campo profughi di Al-Am’ari, a Ramallah, dove è stato arrestato un nativo, sospettato di aver ucciso un soldato di occupazione con una lastra di marmo.

Due giovani palestinesi sono stati feriti da proiettili letali e altri tre da proiettili di acciaio  rivestiti di gomma durante gli eventi nel campo di al-Am’ari, secondo una dichiarazione diffusa dalla Mezzaluna Rossa, mercoledì.

Il quotidiano Haaretz ha citato una fonte militare che riportava l’arresto di un palestinese durante una campagna nel campo per il suo ruolo nella morte di un soldato israeliano dell’unità d’élite Duvdevan alla fine di maggio.

Il detenuto è stato identificato come Aslam Yussef Abu Hamid, 32 anni, ed è stato arrestato durante  un’operazione congiunta dello Shin Bet e dell’esercito israeliano dopo che le informazioni dell’intelligence avevano affermato che l’uomo potrebbe aver lanciato la lastra di marmo sulla testa del soldato Ronen Lubarsky, il 24 maggio 24, che è successivamente morto in ospedale.

Nel frattempo, l’IOF ha rapito un giovane uomo di nome Muhand Attawil dopo aver preso d’assalto la sua casa nella città di Silwad, a est di Ramallah.

A Qalqiliya, l’IOF ha fatto irruzione nelle case della cittadina di Azzun, ostacolato il traffico all’ingresso principale e rapito un cittadino palestinese dalla sua casa.

Ha anche preso d’assalto Ya’bad, nel distretto di Jenin, scontrandosi con i giovani locali.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"