Le IOF assaltano Nablus per garantire l’ingresso dei coloni, scontri con i giovani locali

Nablus-PIC. Secondo fonti locali, un vasto spiegamento di soldati israeliani ha invaso l’area orientale di Nablus e si sono scontrati con i giovani locali prima che i coloni, a bordo di auto e autobus, si recassero alla Tomba di Giuseppe per eseguire rituali.

I giovani manifestanti hanno bloccato le strade con pneumatici in fiamme, ma le IOF hanno usato i bulldozer per rimuoverli.

I soldati si sono poi dispiegati per le strade intorno alla tomba di Giuseppe e si sono appostati sui tetti degli edifici vicini prima di iniziare ad attaccare i giovani con gas lacrimogeni e granate stordenti e sparare proiettili di acciaio rivestiti di gomma.

I giovani hanno risposto lanciando pietre e bottiglie incendiarie contro i soldati. Non ci sono notizie di vittime tra i manifestanti.

Più tardi, decine di auto e autobus che trasportavano coloni hanno invaso l’area sotto scorta militare e si sono radunati nel sito per effettuare riti.

Soldati e coloni israeliani assaltano quasi ogni settimana l’area orientale di Nablus per eseguire rituali presso la tomba di Giuseppe, che ritengono sia il luogo di riposo del patriarca biblico, mentre i locali e gli storici palestinesi affermano che la tomba appartiene a uno shaykh musulmano medievale locale chiamato Yousef al-Duwaik.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"