Le Nazioni Unite votano a favore del rinnovo dell’incarico affidato all’UNRWA

New York – Quds Press. Nella serata di venerdì (15/11), in seno alla riunione del Quarto Comitato dell’Assemblea Generale, le Nazioni Unite hanno votato a favore di 7 risoluzioni riguardanti la Palestina.

Tali provvedimenti concernono il rinnovo del mandato affidato all’URNWA, vale a dire l’organizzazione che si occupa di fornire impiego e soccorso ai rifugiati palestinesi. 167 Paesi si sono espressi a favore delle risoluzioni, a fronte dei 5 contrari e dei 7 astenuti.

Delle sette sottoposte a votazione, la seconda riguardava specificatamente la materia del soccorso da assicurare ai rifugiati: essa ha incontrato il favore di 170 Nazioni, la contrarietà di due e l’astensione di 7. La terza si riferiva invece ai proventi derivanti dai possedimenti dei rifugiati: in questo caso i Paesi che hanno approvato la proposta sono stati 162, a fronte di 6 contrari e 9 astenuti.

La quarta votazione ha riguardato i profughi fuggiti dalla Palestina a causa dell’aggressione israeliana del giugno del 1967. In questo caso, a favore si sono espresse 162 Nazioni, a fronte delle 6 contrarie e delle 9 astenute.

La quinta afferiva i coloni israeliani stanziati nei territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme est. La votazione ha testimoniato il favore di 156 Stati, la contrarietà di 6 e l’astensione di 15.

La sesta riguardava la condotta israeliana lesiva nei confronti dei diritti palestinesi nei territori occupati, Gerusalemme est inclusa. 154 Stati hanno approvato la proposta, 8 l’hanno respinta e 14 si sono astenuti dal prendere posizione.

La settima. infine, concerneva l’attività svolta dal Comitato Investigativo specializzato nel monitoraggio delle violazioni israeliane contro i diritti del popolo palestinese. Il voto ha testimoniato il favore di 82 Paesi, la contrarietà di 11 e l’astensione di 78.

Traduzione per InfoPal di Giuliano Stefanoni

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"