L’epidemia palestinese di superbatteri farmaco-resistenti potrebbe diffondersi, avvertono i medici

Theguardian.com. I medici avvertono  che la carenza di antibiotici rende loro impossibile seguire i protocolli per combattere i batteri resistenti ai farmaci.

Madlen Davies e Emma Graham-Harrison. (Da InvictaPalestina.org).

I medici di Gaza e della Cisgiordania hanno dichiarato di  stare combattendo un’epidemia di superbatteri resistenti agli antibiotici, un problema crescente nelle zone di conflitti e che potrebbe estendersi oltre ai confini palestinesi.

L’aumento e la diffusione di tali infezioni virulente si aggiunge alla devastazione prodotta dalla guerra, all’aumento dei costi  sanitari e alla carenza di  posti letto  ospedalieri perché i pazienti necessitano di cure  per tempi più lunghi. Spesso molte persone non vengono curate o vengono curate in modo insufficiente, lasciandole con disabilità che cambiano loro la vita.

Gaza è un terreno particolarmente fertile per i superbatteri perché il suo sistema sanitario è stato logorato da anni di blocco e gli antibiotici sono scarsi, ha rilevato il “Bureau of Investigative Journalism”.

“Questo è un problema di sicurezza sanitaria globale perché gli organismi multi-farmaco-resistenti non conoscono confini”, ha detto Dina Nasser, infermiera responsabile del controllo delle infezioni all’ospedale Augusta Victoria a Gerusalemme Est  e che ha anche lavorato a Gaza. “Ecco perché la comunità globale, anche se non è interessata alla politica di Gaza, dovrebbe essere interessata a questo problema.”

Anche se i medici di Gaza conoscono  i protocolli per prevenire l’insorgenza di batteri resistenti ai farmaci, la persistente carenza di antibiotici significa che non possono sempre seguirli, hanno detto ai giornalisti. I pazienti assumono cicli incompleti di antibiotici o viene loro prescritto un mix perché  il farmaco specifico non è disponibile.

La mancanza di acqua, energia e carburante per i generatori, significa che i medici non sempre possono soddisfare gli standard di igiene di base, rendendo più facile la diffusione di qualsiasi infezione resistente ai farmaci. A volte i medici non sono nemmeno in grado di lavarsi le mani e ci sono carenze di guanti, camici e compresse di cloro per la disinfezione.

Il blocco decennale imposto da Israele sui viaggi e sul commercio significa che Gaza è relativamente isolata rispetto ad altre aree di conflitto che si sono rivelate terreno fertile per i superbatteri.

L’esercito statunitense  notò la diffusione di batteri resistenti ai farmaci più di un decennio fa in Iraq; ci fu un così grande aumento  di Acinetobacter resistenti nel personale ferito che rientrava,  che i batteri furono infine soprannominati “Iraqibacter”.

Ma Gaza non è completamente isolata. Un piccolo numero di pazienti si trasferisce in altri ospedali in Palestina, Israele e nei paesi vicini come la Giordania, l’Egitto e il Libano.

Le persone sane possono trasportare i batteri senza mostrare alcun sintomo, così i medici e gli operatori umanitari che viaggiano dentro e fuori Gaza potrebbero trasportare i superbatteri in altri Paesi. I batteri possono anche viaggiare senza essere veicolati da umani.

“Possono uscire molto facilmente “, ha detto il dott. Ghassan Abu Sittah, che studia medicina dei conflitti presso l’American University del Beirut Medical Center (AUBMC). “Le acque reflue non trattate provenienti da Gaza che contengono batteri resistenti a più farmaci entrano nella falda acquifera condivisa con l’Egitto e con  Israele”.

“Ci sono documenti scozzesi che mostrano batteri effettivamente multi-farmaco resistenti nelle feci  degli uccelli migratori. L’idea che chiunque potrebbe essere immune a questo fenomeno è assurda. ”

L’entità del problema è stata sollevata nel 2018 dall’aumento delle violenze,quando più di 200 persone sono state uccise e migliaia ferite, per lo più colpite alle gambe, durante le proteste lungo il confine culminate nella “Grande Marcia del Ritorno” a maggio.

Il dottor Mahmoud Mattar, un chirurgo ortopedico, ha detto che circa 2.000 abitanti di Gaza stanno attualmente affrontando gravi lesioni da arma da fuoco alle gambe, lesioni che in genere richiedono diverse operazioni di ricostruzione e due anni di riabilitazione.

Quasi tutti questi pazienti hanno contratto anche infezioni da super batteri, il che significa che i chirurghi devono ritardare la sutura delle loro ferite. Ciò riduce le possibilità di una ricostruzione efficace, prolunga le degenze ospedaliere e aumenta il rischio di amputazione.

Il primo antibiotico, la penicillina, fu  prodotto in massa verso la fine della seconda guerra mondiale. Da allora, gli antibiotici hanno salvato milioni di vite e prevenuto innumerevoli disabilità, in particolare quelle causate da ferite da guerra, consentendo ai medici di evitare le amputazioni.

Ma nessuna nuova classe di antibiotici è stata sviluppata dagli anni ’80, e mentre la crisi dei batteri farmaco-resistenti si fa sempre più severa, alcune zone di conflitto cominciano ad assomigliare a quelle in cui in passato non c’era la disponibilità della penicillina.

“Ci aspettiamo una catastrofe assoluta in termini di disabilità residua nei feriti a Gaza”, ha detto Abu Sittah, che è a capo della chirurgia plastica presso l’AUBMC e che a maggio si è recato a Gaza per curare i pazienti dell’ospedale al-Awda.

Tutti i superbatteri presenti sulla lista dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) – quelli che rappresentano la più grande minaccia per la salute umana – sono  presenti in Palestina.

Ma gli ospedali di Gaza, come molti altri nelle zone di conflitto, sono in crisi,  a causa di una grave mancanza di attrezzature e di medicine e del grande sovraffollamento. Nella maggior parte di essi  manca anche la capacità di rilevare i superbatteri, peggiorando le cose.

31 operazioni dopo essere stato colpito ad una gamba.

Uno degli abitanti di Gaza che ha a che fare con il doppio impatto dell’infezione da superbatteri è Fahed Zuhud, 29 anni. A febbraio stava lanciando pietre vicino al confine quando un proiettile gli ha frantumato una gamba. Ricoverato in ospedale per un intervento chirurgico, la sua ferita si infettò e sviluppò l’osteomielite, una grave infezione all’interno dell’osso che spesso può portare all’amputazione.

Finora Zuhud ha subito 31 operazioni per ricostruire la sua gamba e per cercare di sconfiggere l’infezione. Non può più lavorare e dovrà affrontare anni di trattamento. I medici non sono stati in grado di identificare il ceppo dei batteri, ma credono che sia resistente a più farmaci perché gli hanno somministrato tutti gli antibiotici, senza alcun effetto.

L’organizzazione medica Medici Senza Frontiere sta creando un servizio con il Ministero della Salute per testare campioni di ossa da ospedali di tutta Gaza per l’osteomielite resistente ai farmaci, in modo da poter ottenere antibiotici mirati. Sta inoltre allestendo una clinica per l’osteomielite, in cui i pazienti potrebbero essere seguiti e riabilitati più facilmente. Zuhud è attualmente in cura nella clinica post-operatoria di MSF.

Sta aspettando un impianto osseo, ma l’infezione ha bloccato il trattamento. Se la sua infezione fosse stata curabile con antibiotici, potrebbe essere stato già in grado di camminare, dice il dott. Ahmed Abu Warda, un medico della clinica.

Invece, 10 mesi dopo, Zuhud è ancora con le stampelle e si teme che l’infezione possa ancora diffondersi. “Forse perderà tutto il femore”, ha detto Warda. “L’amputazione è ancora una possibilità”.

Traduzione per Invictapalestina.org di Grazia Parolari.

Foto di copertina:  Un ospedale di Gaza, dove il sistema sanitario è logorato da anni di blocco. Foto di  Mohammed Sabre / EPA

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"