L’ONU mette nella black-list 112 compagnie israeliane e internazionali complici degli insediamenti coloniali

PIC, MEMO, Imemc, E.I., Palestine ChronicleBDS. Mercoledì l’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha pubblicato un elenco di oltre 100 aziende che si ritiene siano complici nella violazione dei diritti umani dei Palestinesi operando in insediamenti illegali israeliani nella Cisgiordania occupata.

La decisione delle Nazioni Unite è considerato il primo tentativo internazionale di elencare e mettere al bando le imprese che hanno legami con le attività di insediamento illegale di Israele nei Territori palestinesi occupati.

L’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha rilasciato una dichiarazione insieme al rapporto, affermando di essere “consapevole che questo problema è stato e continuerà ad essere molto controverso.

“Tuttavia, dopo un ampio e meticoloso processo di revisione, siamo soddisfatti che questo rapporto basato sui fatti rifletta la seria considerazione che è stata data a questo mandato senza precedenti e altamente complesso e che risponde in modo appropriato alla richiesta del Consiglio per i diritti umani contenuta nella risoluzione 31/36”.

Nel 2016 il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 31/36, chiedendo all’Ufficio dell’Alto commissario per i diritti umani (OHCHR) di elaborare un rapporto che indaghi sulle “implicazioni degli insediamenti sui diritti civili, politici, economici, sociali e culturali di il popolo palestinese in tutto il territorio palestinese occupato, compresa Gerusalemme est”.

A causa delle pressioni israeliane e statunitensi, la pubblicazione del rapporto è stata ritardata per anni a dispetto dei gruppi per i diritti umani in tutto il mondo.

La pubblicazione del rapporto, mercoledì 12 febbraio, è stata subito criticata da Israele e dai suoi sostenitori. Il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, l’ha definita una “macchia” sull’OHCHR e ha minacciato di agire contro il Consiglio da parte di Israele.

Il rapporto nomina 112 entità commerciali che l’Ufficio afferma essere coinvolte in diverse attività legate agli insediamenti illegali, compresi Coca-cola, Airbnb, Booking.com, Expedia Group e Motorola Solutions.

Tuttavia, la relazione non richiede sanzioni né ha alcun impatto concreto sulle società.

Human Rights Watch (HRW), un critico dell’attività di insediamento di Israele, ha applaudito al rapporto.

“Il tanto atteso rilascio della lista delle imprese di insediamento delle Nazioni Unite dovrebbe mettere in guardia tutte le aziende: fare affari con insediamenti illegali è aiutare a commettere crimini di guerra”, ha dichiarato Bruno Stagno, vicedirettore esecutivo di HRW.

L’elenco contiene nomi di 94 società israeliane e 18 internazionali – che hanno legami con insediamenti illegali e sono coinvolti in una o più delle seguenti 10 attività dichiarate dall’OHCHR:

• Fornitura di attrezzature e materiali che facilitino la costruzione e l’ampliamento di insediamenti e muri e relative infrastrutture;
• Fornitura di apparecchiature di sorveglianza e identificazione per insediamenti, muri e posti di blocco direttamente collegati agli insediamenti;
• Fornitura di attrezzature per la demolizione di abitazioni e proprietà, distruzione di fattorie agricole, serre, oliveti e colture;
• Fornitura di servizi, attrezzature e materiali di sicurezza alle imprese che operano negli insediamenti;
• Fornitura di servizi privati e pubblici a supporto della manutenzione e dell’esistenza di insediamenti, compreso il trasporto;
• Operazioni bancarie e finanziarie che aiutano a sviluppare, espandere o mantenere gli insediamenti e le loro attività, compresi i prestiti per l’edilizia abitativa e lo sviluppo delle imprese;
• Uso delle risorse naturali, in particolare acqua e terra, a fini commerciali;
• Inquinamento e scarico di rifiuti o il loro trasferimento nei villaggi palestinesi;
• Assedio dei mercati finanziari ed economici palestinesi, nonché pratiche che svantaggiano le imprese palestinesi, anche attraverso restrizioni alla circolazione, vincoli amministrativi e legali;
• Utilizzo di benefici e reinvestimenti di imprese possedute in toto o in parte dai coloni per lo sviluppo, l’espansione e il mantenimento degli insediamenti.

Comunicato del BDS: qui.

Lista dei marchi: qui e qui.

tag: , , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"