Migliaia di fedeli pregano ad al-Aqsa nonostante restrizioni israeliane

Gerusalemme occupata – PIC. Migliaia di fedeli hanno eseguito la preghiera del venerdì nel complesso della moschea di al-Aqsa, nonostante le severe misure di restrizione delle Autorità d’occupazione israeliane (IOA) che hanno cercato di impedire a migliaia di palestinesi di accedervi.

Durante la khutba, sermone, il predicatore della moschea di al-Aqsa ha chiesto di sostenere il profeta Mahammad, e ha criticato tutti i tentativi di distorcere la sua immagine.

Il predicatore ha sottolineato l’importanza di boicottare i prodotti francesi come risposta alla mancanza di rispetto della Francia nei confronti di Muhammad.

Ciò avviene in un momento in cui la polizia israeliana ha impedito a molti fedeli della Cisgiordania di passare attraverso le porte della Città Vecchia per pregare ad al-Aqsa, con il pretesto di non avere i permessi necessari.

Fonti locali hanno riferito che la polizia israeliana ha bloccato un autobus che trasportava cittadini dalle province della Cisgiordania mentre passava al checkpoint militare di Hizma, a nord-est di Gerusalemme, e hanno impedito loro di accedere alla moschea.

Nel frattempo, ha arrestato diverse donne palestinesi in arrivo ad al-Aqsa alla Porta di al-Amoud, nella Città Vecchia di Gerusalemme.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"