Migliaia di Palestinesi hanno pianto la morte di mamma Dawabsha

unnamedNablus-Ma’an. Migliaia di Palestinesi hanno partecipato ai funerali di Riham Dawabsha, di 27 anni, che è morta domenica notte a causa delle ferite subite più di un mese fa, nell’incendio doloso del 31 luglio che ha ucciso suo marito e il suo bimbo di 18 mesi.

Il funerale ha preso l’avvio dall’ingresso del villaggio di Duma, a sud di Nablus ed ha raggiunto il cimitero del villaggio.

Dawabsha ha avuto l’onore di un funerale militare con i membri delle forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese che erano in testa al corteo.

La 27enne madre dei due bambini è stata sepolta nel cimitero del villaggio, accanto al marito e al figlio morti il mese scorso.

Dawabsha è morta qualche ora dopo il suo compleanno, il 6 settembre, mentre suo marito è deceduto l’8 agosto, il loro anniversario di matrimonio.

unnamed (1)I partecipanti  avevano bandiere palestinesi e bandiere delle fazioni politiche palestinesi, oltre a cartelli che invocavano l’unità nazionale, e altri che domandavano vendetta e al governo israeliano di trovare e imprigionare i responsabili dell’aggressione.

Decine di studenti e centinaia di insegnanti provenienti dalla Jurish School for Girls, dove Dawabsha lavorava come insegnante di matematica, hanno partecipato ai funerali, perché la Direzione dell’Istruzione pubblica di Nablus ha sospeso la scuola per dare agli studenti e agli insegnanti la possibilità di prenderne parte.

Il governatore di Nablus, Akram al-Rujoub, il ministro della Pubblica Istruzione dell’Anp, Sabri Seidam, e i rappresentanti delle fazioni nazionali ed islamiche hanno preso parte ai funerali, oltre ai membri dei consigli nazionali e legislativi e i capi delle istituzioni dell’Anp.

I coloni israeliani hanno rotto le finestre di due case a Duma, prima di gettare del liquido infiammabile e bottiglie molotov all’interno, uccidendo il piccolo Ali, che era intrappolato all’interno della casa, e ferendo in modo grave gli altri membri della famiglia.

A seguito dell’incidente, le autorità israeliane hanno arrestato alcuni coloni estremisti, senza accusa, ma in seguito hanno rilasciato quasi tutti i sospetti.

Gli autori dell’attacco non sono ancora stati arrestati dalle autorità israeliane.

I coloni israeliani hanno effettuato almeno 142 attacchi contro i Palestinesi nei territori occupati di Gerusalemme Est e della  Cisgiordania dall’inizio di quest’anno, secondo l’Ufficio per il Coordinamento degli Affari Umanitari delle Nazioni Unite.

Solamente l’1,9 per cento delle denunce presentate dai Palestinesi contro gli attacchi dei coloni israeliani si traduce in una condanna, ha riferito il gruppo israeliano per i diritti umani Yesh Din.

Traduzione di Edy Meroli

unnamed (2)

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"