Milionario americano finanzia il passaggio di proprietà di una chiesa in Cisgiordania ai coloni

Betlemme-Ma’an. Secondo alcuni media israeliani, una compagnia svedese fondata nel 2007 è stata usata come copertura per mascherare la vendita e il passaggio di proprietà ai coloni di una chiesa in Cisgiordania, finanziata dal milionario americano Irving Moskowitz.

Nell’ultima settimana il complesso di cui fa parte la chiesa, situato vicino al campo profughi palestinese al-Arrub, tra Betlemme e Hebron, è stato al centro dell’attenzione a causa delle affermazioni contraddittorie riguardo i suoi proprietari.

Il Pastore Keith Coleman, capo della chiesa proprietaria del complesso sin dagli anni ’40, ha dichiarato a Haaretz che il complesso è stato venduto a una compagnia svedese, la Scandinavian Seamen Holy Land Enterprises, nel marzo 2008.

Mentre Coleman credeva si trattasse di un gruppo religioso, con base a Haifa, intenzionato a ristrutturare il complesso, secondo Haaretz  “la compagnia è stata fondata a Stoccolma nel 2007, e sembra sia stata usata come copertura per mascherare il passaggio di proprietà ai coloni. Inoltre, pare che la compagnia non abbia alcun ufficio”.

Come si legge dalle dichiarazioni, dopo aver comprato la proprietà il gruppo svedese ha poi registrato l’acquisto all’Amministrazione Civile israeliana nel 2012, ricevendo l’approvazione necessaria.

In seguito alla registrazione all’Amministrazione Civile, la compagnia ha annunciato il suo scioglimento. Il gruppo non possedeva uffici o beni, fatta eccezione per il complesso di cui fa parte la chiesa, ha detto Haaretz.

La proprietà è poi passata all’associazione americana no-profit American Friends of the Everest Foundation, che opera a Gerusalemme Est, il cui unico finanziatore è il milionario americano Irving Moskowitz.

Secondo Haaretz, la Everest Foundation possiede numerose proprietà a Gerusalemme Est, per un valore totale di 12 milioni di dollari.

Moskowitz sarebbe anche il maggiore finanziatore dei progetti dell’attivista di destra israeliano Aryeh King, fondatore e direttore dell’associazione Israeli Land Fund, che si occupa di comprare proprietà e case palestinesi e rivenderle agli ebrei al fine di “giudaizzare” Gerusalemme Est e i quartieri palestinesi in Israele.

Le dichiarazioni sono giunte dopo che la scorsa settimana Arie Suchovolsky, un avvocato che ha detto a Ma’an di essere il rappresentante di una chiesa svedese proprietaria della struttura, ha negato che la chiesa fosse stata venduta, dicendo che “il complesso è di proprietà della chiesa, lo stiamo ristrutturando per farne un ostello a disposizione di ebrei, musulmani e cristiani che si trovano qui di passaggio”.

I veri e propri lavori di ristrutturazione trasformeranno la struttura in un nuovo avamposto in Cisgiordania, con grande sgomento dei palestinesi.

La chiesa si trova in un luogo critico, che una volta colonizzato vedrà gli insediamenti israeliani estendersi dal blocco di Gush Etzion a Gerusalemme fino al gruppo di insediamenti intorno a Hebron.

Traduzione di Giovanna Niro

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"