MSF: “Ciò che sarebbe inimmaginabile altrove è diventato normale qui a Gaza”

Palestina-MEMO. L’organizzazione Medici Senza Frontiere (MSF) ha descritto la violenza contro i manifestanti palestinesi nella Striscia di Gaza da parte dei soldati israeliani come “inimmaginabile”.

In un articolo pubblicato giovedì, il direttore delle comunicazioni sul campo dell’MSF a Gerusalemme, Jacob Burns, ha descritto il lavoro dei medici dell’organizzazione a Gaza che lottano per curare le vittime israeliane durante le proteste della Grande Marcia.

“Ciò che sarebbe inimmaginabile altrove è diventato normale qui a Gaza”, ha scritto Burns, riflettendo sugli eventi del 30 marzo.

“Un giorno in cui quattro persone vengono uccise e 64 ferite con munizioni letali è un giorno in cui ci sentiamo quasi felici perché non sono i due o i trecento [feriti] – o anche più – che ci aspettavamo”, ha aggiunto.

“Dobbiamo combattere contro questo senso di ‘normalità’: non è normale vedere così tanti giovani arrivare in ospedale tutti insieme con proiettili nelle loro gambe”, ha scritto Burns.

“Non è normale per i nostri chirurghi lavorare su un uomo di 25 anni che ha bisogno che tutto il suo sangue sia sostituito perché un proiettile ha lacerato sia l’arteria principale sia la vena principale nel suo petto. Non è normale per loro rimuovere il rene di un ragazzo perché provare a salvarlo significherebbe che muoia dissanguato”.

Ha continuato: “Non è normale per i nostri medici di emergenza auscultare i polmoni di un paziente, colpito alla gola con quello che apparentemente era una bomboletta di gas lacrimogeno, pieni di sangue. Non è normale che noi dimettiamo un paziente dalle nostre cliniche, e poi lo riammettiamo quando gli sparano di nuovo, solo per sentire la sua famiglia che ci dice che è tornato alla recinzione ancora una volta ed è stato ucciso”.

Il funzionario dei Medici Senza Frontiere ha sottolineato che Gaza “uscirà dai titoli dei giornali”, ma la sua popolazione “continuerà a soffrire” a causa di “un’economia in caduta libera, un sistema sanitario distrutto a causa dell’embargo israeliano e delle lotte politiche interne palestinesi”.

“Noi di MSF torneremo alle nostre solite attività questa settimana, lavorando nelle nostre cliniche e negli ospedali di tutta Gaza. Ammetteremo ulteriori pazienti con ferite d’arma da fuoco e continueremo a trattare i quasi 1.000 che rimangono nei nostri registri”, ha concluso,” un promemoria vivente della sofferenza che Gaza sta attraversando nell’ultimo anno”.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"