MSF: la detenzione dei minorenni lascia gravi conseguenze mentali

WAFA. Ashraf, un giovane palestinese di 17 anni proveniente dal campo profughi di Arroub, a nord di Hebron, nella Cisgiordania occupata, è stato rilasciato dal carcere israeliano dopo aver trascorso un anno e mezzo.
 
Ashraf soffriva di ansia e preoccupazione per come avrebbe potuto continuare la sua vita dopo un lungo periodo lontano dalla sua vita precedente e normale e dopo una separazione dai suoi amici e dalla scuola. In effetti, ha iniziato a socializzare sempre meno con i suoi compagni per evitare di parlare della dolorosa esperienza dell’arresto. Si è sentito molto scoraggiato dopo la prigionia.
 
Ashraf è stato un caso che l’organizzazione umanitaria medica internazionale con sede a Parigi, Medici senza frontiere (MSF), ha discusso in uno studio sulle conseguenze per la salute mentale che i minori possono sperimentare quando sono detenuti e dopo essere stati rilasciati dal carcere.
 
L’MSF ha spiegato che essere detenuti è un’esperienza che può essere descritta come molto insolita. “Questa esperienza di solito arriva con conseguenze – sia durante che dopo la detenzione – per il benessere della persona coinvolta”.
 
Ha affermato che le conseguenze sul benessere della persona coinvolta possono essere sia fisiche che psicologiche, influenzando sia l’individuo che la società.
 
L’organizzazione ha scoperto che dopo essere stati rilasciati dalla detenzione molti minori hanno difficoltà a rientrare a scuola.
 
Sono coinvolti molti fattori: il lungo periodo di separazione dalla scuola e dall’abitudine di studiare; un diminuito senso del valore dell’apprendimento; difficoltà nel relazionarsi con ex-compagni di classe; sfide nell’accettare le figure dell’autorità a causa di brutte esperienze con loro in carcere; o, semplicemente, difficoltà a rispondere quando viene chiesto loro di dire “cosa è successo” quando non sono ancora pronti a farlo.
 
L’organizzazione umanitaria ha scoperto che molti dei minori che vengono rilasciati vivono con continue preoccupazioni reali di essere nuovamente detenuti.
 
Ciò può comportare le seguenti conseguenze: difficoltà a riposare bene; appetito ridotto; maggiore frequenza nel vizio del fumo; nervosismo; sentimenti di frustrazione e rabbia; tra le altre reazioni psicologiche.
 
Sfortunatamente, questi pensieri e reazioni, essendo comuni, diminuiscono la loro capacità di reinserirsi positivamente nella società e di portare avanti le loro vite. Questo è il motivo per cui alcuni di loro potrebbero richiedere il supporto di un professionista.
 
Ashraf ha sentito un forte dolore alla gamba mentre era in prigione, e aveva bisogno di un intervento chirurgico. Un giorno, mentre era in ospedale per esami medici, dopo essere stato rilasciato, l’esercito ha effettuato un’incursione a sua casa. Poiché lui non era lì, i soldati hanno dichiarato a suo padre che sarebbero tornati molto presto per arrestarlo. Quando Ashraf ha scoperto ciò che era successo è diventato più ansioso, pensava tutto il tempo che sarebbero venuti a riprenderlo. Non riusciva a dormire. È diventato iperattivo, ha perso la motivazione e si è isolato ancora di più dagli altri.
 
Quando MSF ha iniziato a fornirgli supporto psicologico, è stato molto aperto nel condividere le sue preoccupazioni, rendendosi conto di essere stato sopraffatto da pensieri negativi che lo facevano sentire bloccato. Ha capito che l’esperienza del carcere aveva ancora un impatto su di lui, anche se era stato rilasciato.
 
Dopo poche sedute di supporto da parte di un professionista per la salute mentale, insieme alle sue risorse, la sua volontà e la sua forza, ha iniziato a riprendere il controllo sui suoi pensieri ed è diventato più consapevole dei suoi sentimenti negativi e di come gestirli. Ha anche imparato come ottenere un sonno di qualità migliore che alla fine gli ha permesso di superare le sue sfide ed iniziare a fare le cose che voleva per il suo futuro.
 
La famiglia, specialmente sua madre, ha affermato che il ragazzo è migliorato molto nel sonno, nel controllo delle sue emozioni e è più motivato, oltre ad essere tornato ad una normale routine e modo di pensare. Infatti, era entusiasta del risultato del trattamento, poiché temeva che suo figlio non sarebbe mai stato in grado di superare questa esperienza.
 
Alla fine, Ashraf è riuscito a pianificare e a fare i passi necessari verso il suo futuro, e si è riavvicinato ad amici e famiglia.
Traduzione di F.H.L.

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"