Nel 2018, il 68% dei palestinesi era connesso ad internet

Ramallah-Ma’an. La società palestinese di social media, iPoke, ha riferito martedì che il 68% dei palestinesi in Cisgiordania, Striscia di Gaza e terre palestinesi occupate nel 1948, ovvero 4,5 milioni di persone, avevano una connessione internet nel 2018.

Nel suo rapporto annuale sugli utenti dei social media in Palestina, iPoke ha affermato che Facebook era il più utilizzato, con l’88% degli utenti attivi sulla piattaforma, seguito dall’84% su WhatsApp, il 57% su Instagram, il 45% su You Tube, 34% su Snapchat, 23% su Twitter e 12% su Linkedin.

Il rapporto ha aggiunto che le forze israeliane hanno arrestato 40 utenti palestinesi nel 2018 a causa delle pubblicazioni da loro effettuate su diverse piattaforme, compresi alcuni giornalisti.

iPoke, un’azienda palestinese che lavora nel campo del marketing, studi e della ricerca nel mondo digitale, realizza studi e progettazione di identità visive per aziende lanciate nel 2016 in Palestina e negli Stati Uniti.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"