Nel villaggio di Abwin la bellezza della natura resiste alla colonizzazione

Ramallah – PIC. Il villaggio di Abwin ricorda un quadro di assoluta bellezza. La mano della natura l’ha designato con cura. Questo villaggio del nord-ovest del distretto di Ramallah è un piacere per gli occhi e cibo per lo spirito.

Un villaggio attraente.

Il villaggio di Abwin ha valorizzato la bellezza della sua natura sulla sua pagina internet. I suoi mandorli, i suoi fiori e la sua aria pura attirano turisti da ogni parte.

Nella bella stagione, tutti escono all’aria aperta per godere della sua bellezza. I visitatori percorrono il piccolo villaggio e i bambini rendono il clima gioioso, con la musica delle loro grida e delle loro risate. Raccolgono i fiori di primavera, nonostante i moniti delle loro famiglie che li accompagnano e li sorvegliano.

La bellezza contro la colonizzazione.

Mona al-Hamid, della città di Ramallah, ama passeggiare sulle colline e sulle montagne del villaggio di Abwin, mentre ne ammira la bellezza e la resistenza:

“Abwin è un villaggio che resiste all’occupazione e la sfida. La resistenza le dona un fascino in più. Ci tengo molto a far comprendere ai miei figli l’importanza della terra, il dovere di difenderla, la necessità di aggrapparcisi”.

Il vecchio borgo del villaggio si trova su una collina isolata, circondata da oliveti, da mandorli e da corsi d’acqua. I terreni verdi che circondano il villaggio, con i suoi mandorli, formano un quadro di grande bellezza.

I punti più attraenti.

Nadj Hamed, presidente della municipalità di Abwin, racconta del suo villaggio, ancora più affascinante in primavera. Abwin conta uno dei più antichi castelli, il castello di Sehewil, costruito su due piani e circondato da arcate. Nell’epoca ottamana fu sede del governatore.

Secondo l’enciclopedia palestinese, il villaggio di Abwin si trova a 30km a nord-ovest da Ramallah.

Traduzione per InfoPal di Chiara Parisi

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"