ONU: situazione umanitaria a Gaza allarmante

Ramallah-PIC. Il direttore politico delle Nazioni Unite, Rosemary DiCarlo, ha avvertito che la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza si è ulteriormente deteriorata.

“Gaza è sotto embargo da più di un decennio”, hanno affermato dalle Nazioni Unite. “Israele ha chiuso il valico di Kerem Abu Salam, a Gaza, a luglio in risposta ai palestinesi che lanciano aquiloni incendiari verso il suo territorio. Anche se questo è diventato nuovamente operativo questo mese, un altro valico per i pedoni è stato chiuso,  tranne che per casi umanitari.

“Mentre lavoriamo per una completa revoca dell’embargo su Gaza, in linea con la risoluzione 1860 (2009) del Consiglio di Sicurezza, invito tutte le parti a garantire che le forniture umanitarie urgenti necessarie raggiungano la Striscia. Questi non dovrebbero essere tenuti in ostaggio degli sviluppi politici e della sicurezza”, ha affermato DiCarlo, informando 15 ambasciatori sulla situazione degli ultimi mesi.

Passando alle infrastrutture “fatiscenti” di Gaza, la DiCarlo ha riferito che l’ONU sta aumentando la propria capacità di sostenere meglio progetti nei settori dell’energia, dell’acqua, della sanità e della creazione di posti di lavoro.

Tuttavia, ha espresso la preoccupazione che il finanziamento fornito dalle Nazioni Unite per il combustibile di emergenza, che sostiene circa 250 strutture critiche nella Striscia, si è esaurito, mentre le scorte di medicinali essenziali sono pericolosamente basse.

Inoltre, l’agenzia delle Nazioni Unite che assiste i palestinesi, l’UNRWA, sta anche affrontando una crisi di liquidità.

“Il Segretario generale ha avvertito che il mancato superamento del deficit di finanziamento di 217 milioni di dollari dell’UNRWA avrà gravi conseguenze umanitarie e per lo sviluppo, oltre a implicazioni per la stabilità regionale”, ha affermato.

 

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"