Osservatore per i Diritti Umani esorta l’ONU a pubblicare lista delle società legate alle colonie

MEMO. L’Osservatore per i Diritti Umani (HRW) ha sollecitato il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite (UNHRC) a pubblicare, come pianificato, un database di società implicate in attività legate alle colonie israeliane, dal momento che l’organo, con sede a Ginevra, è sottoposto a crescenti pressioni da parte degli USA e Israele allo scopo di occultare la lista.

 

“L’attività illegale in corso nelle colonie israeliane mette in evidenza l’urgenza della pubblicazione di un database da parte delle Nazioni Unite di imprese che hanno consentito o tratto profitto dalle colonie”, come affermato dal gruppo internazionale per i diritti umani in una dichiarazione pubblicata martedì scorso.

Come riassunto dal HRW, “il database identificherà pubblicamente le imprese che contribuiscono agli abusi sui diritti umani operando nelle o con le colonie nei Territori palestinesi occupati”.

Ciò “incrementerà la pressione sulle imprese al fine di interrompere gli affari nelle colonie, affinché si conformino alle loro responsabilità riguardo ai diritti umani e affinché i paesi possano ottemperare alla risoluzione 2334 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e distinguere, nei loro affari, il territorio israeliano dalle colonie”.

L’HRW ha notato che nel corso dell’anno in cui la risoluzione è stata adottata, “le autorità israeliane hanno accelerato i loro piani di insediamento, hanno promulgato una legge che legalizza la confisca di terre private palestinesi e dichiarato il loro intento di mantenere per sempre le colonie”.

Una tale “sfacciata mancanza di rispetto” della Risoluzione 2334 “rende ancora più urgente che le imprese evitino di coinvolgersi in abusi di diritti umani, connaturati alle attività nelle colonie”, ha detto Sarah Leah Whitson, direttore esecutivo della divisione del Medio Oriente dell’Osservatore per i Diritti Umani.

“Il database può contribuire a stabilire una lista decisiva di imprese attualmente impegnate in tali attività”, ha aggiunto.

Un tale database, “che porterà l’imprimatur dell’ONU”, inoltre “fornirà agli stati le informazioni necessarie per adottare misure per prevenire e far fronte alla partecipazione delle imprese negli abusi di diritti umani”, ha detto la dichiarazione dell’ HRW.

L’HRW ha fatto notare che il database avrebbe dovuto essere pubblicato a marzo, e che il UNHRC ha accettato la raccomandazione dell’Alto Commissario per i Diritti Umani Zeid al-Husseins di sospendere il rapporto “solo per un certo periodo di tempo”. Dovrebbe essere pubblicato “non più tardi della fine del dicembre 2017”.

“Gli affari portati avanti nelle colonie contribuiscono inevitabilmente alle politiche israeliane di espropriazione e dura discriminazione contro i Palestinesi, traendo allo stesso tempo profitto dal furto israeliano di terre palestinesi e di altre risorse”, ha detto Whitson. “Il database eserciterà pressioni sulle imprese affinché cessino queste attività e si conformino alle loro responsabilità riguardo i diritti umani”.

Traduzione di Laura Pennisi

tag: , , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"