Palestina: gli avvocati si mobilitano contro l‘”intrusione nella magistratura” a seguito di decreti controversi

Ramallah-MEE. Di Shatha Hammad. Ex giudici si uniscono in un sit-in per condannare le “mosse assetate di potere” dell’Autorità Palestinese in assenza di un parlamento. (Da InvictaPalestina.org).

La Cisgiordania sta assistendo a un movimento di protesta senza precedenti lanciato dall’Associazione degli Avvocati Palestinesi (PBA), nel respingere i recenti decreti dell’Autorità Palestinese che limitano ulteriormente l’indipendenza giudiziaria.

Il 9 febbraio dozzine di avvocati ed ex giudici si sono  alzati in piedi nel cortile del Consiglio Legislativo Palestinese (PLC) con sede a Ramallah, intonando slogan che chiedevano la protezione dell’indipendenza giudiziaria. Hanno anche annunciato l’inizio di un sit-in di protesta nei locali fino a quando le loro richieste non  sarebbero state soddisfatte.

“Questa legge non può passare senza che l’Ordine degli avvocati la respinga e protesti contro di essa, perché è una chiara intrusione nel sistema giudiziario”, ha detto a Middle East Eye Jawad Obeidat, capo della PBA.

Il movimento ha preso il via all’inizio del 2021 in seguito all’emissione il 30 dicembre di tre decreti presidenziali da parte del presidente Mahmoud Abbas, decreti che modificano le leggi e gli iter dell’autorità giudiziaria in un modo che  riserva al ramo esecutivo e a coloro che nomina ad alte cariche giudiziarie ampio poteri decisionali con un impatto di vasta portata su giudici e sugi  avvocati, sul loro lavoro e sul loro futuro.

I decreti sono entrati in vigore l’11 gennaio, quando sono stati pubblicati sulla gazzetta ufficiale, appena quattro giorni prima dell’annuncio delle elezioni per il PLC, o parlamento, da tempo assente.

 “Questa legge non può passare senza che l’Ordine degli avvocati la respinga e protesti contro di essa, perché è una chiara intrusione nella magistratura” – Jawad Obeidat, capo dell’Ordine degli avvocati palestinesi.

Mentre un nuovo parlamento, che avrà la capacità di annullare le leggi approvate, dovrebbe entrare in carica a maggio, i membri della PBA – che rappresenta 15.000 avvocati – hanno organizzato proteste di fronte ai tribunali palestinesi in varie città della Cisgiordania occupata. .

Diversi gruppi per i diritti hanno anche rilasciato dichiarazioni denunciando la mossa come un attacco alla separazione dei poteri all’interno dell’Autorità Palestinese, e sottolineando la natura oscura del passaggio di decreti al momento delle elezioni, chiedendone la revoca.

‘Un vero ostacolo al dialogo nazionale’.

La Commissione indipendente per i diritti umani (ICHR) con sede a Ramallah, controllore statutario, e la Coalizione Nazionale per la Riforma e la Protezione Giudiziaria, hanno espresso in un comunicato stampa congiunto la loro preoccupazione che “l’emissione di questi decreti legge in questo particolare momento, con le imminenti elezioni generali che si terranno per la prima volta in 15 anni, costituiscono un vero e proprio ostacolo al dialogo nazionale palestinese ”.

Il Centro palestinese per i Diritti Umani (PCHR) con sede a Gaza ha descritto i decreti come “una grave violazione dell’indipendenza giudiziaria in un momento molto delicato”, mentre il gruppo per i diritti Al-Haq ha affermato che  stabiliscono un “pericoloso precedente che distrugge le fondamenta di un solido approccio democratico basato sul principio della separazione dei poteri ”.

L’Euromediterraneo Human Rights Monitor ha chiesto all’Unione Europea di rivedere la sua collaborazione con la magistratura dell’Autorità Palestinese, affermando che le decisioni dell’autorità “violano sia la separazione tra i tre poteri che i principi di neutralità”.

La protesta della scorsa settimana al PLC è coincisa con l’avvio degli incontri al Cairo tra i gruppi politici palestinesi per discutere le prossime elezioni generali, che si terranno a maggio. Speravano di trasmettere un messaggio ai partiti politici sulla gravità delle recenti decisioni legali prese dal presidente Abbas che hanno raddoppiato i poteri decisionali del ramo esecutivo.

Per tutto il periodo di sospensione del PLC, Abbas ha emanato decine di leggi per decreto, che hanno avuto ripercussioni su vari settori, sollevando i sospetti di molti giuristi che le vedevano come mosse  dettate dalla sete di potere dell’esecutivo in assenza di un parlamento.

Dopo 15 anni di attesa, le elezioni palestinesi devono affrontare nuovi ostacoli a seguito degli emendamenti legislativi

Il PLC è inattivo dal 2007 e nel dicembre 2018 il presidente Abbas lo  sciolse del tutto.

L’anno successivo, il presidente sciolse anche l’Alto Consiglio Giudiziario e lo sostituì con un Consiglio Supremo di Transizione ad interim con ampi poteri sulla magistratura e sulla pubblica accusa, inclusa la capacità di nominare e revocare direttamente i giudici a tutti i livelli, per  collocandoli in pensione anticipatamente o riassegnandoli  a istituzioni statali.

“Monopolio senza precedenti nel processo decisionale”.

Come parte delle decisioni del 2019, Abbas ha promosso giudici specifici al Consiglio Supremo, ha posto  dozzine di altri giudici in pensionamento anticipato e ha abbassato l’età pensionabile per rivolgersi a tutti i giudici tranne quelli del Consiglio. I decreti suscitarono aspre critiche da parte delle organizzazioni della società civile, attivisti e giudici dell’epoca, che li descrissero come la “più ampia interferenza nella magistratura nella storia dell’Autorità Palestinese” e come un “monopolio senza precedenti nel processo decisionale da parte dell’autorità esecutiva. “.

Il 12 gennaio, Abbas ha nominato Issa Abu Sharar, un ottuagenario, a capo del Consiglio Supremo di Transizione, decisione respinta dall’Ordine degli avvocati, che considera il Consiglio illegittimo perché i suoi giudici sono stati nominati anziché eletti. Abbas ha anche spinto diversi giudici del Tribunale di Primo Grado a presentare ricorso e ne ha trasferiti sei al pensionamento anticipato.

Bassam Zaid, giudice del Tribunale di Primo Grado di Nablus, è stato trasferito per lavorare in un’istituzione statale senza una posizione o doveri chiari. Ritiene che gli ultimi decreti, introdotti con il pretesto della riforma, abbiano un secondo fine.

“Quello che è successo è stata una vendetta personale contro un gruppo di giudici che stavano rifiutando ciò che stava accadendo nella magistratura in termini di deterioramento e collasso del sistema, controllo e intrusione da parte dell’autorità esecutiva”, ha detto Zaid a MEE.

“Tutti i giudici che hanno rifiutato l’autorità esecutiva oltrepassando l’autorità giudiziaria sono stati rimossi e trasferiti a lavorare nelle istituzioni statali, con l’obiettivo di gettare le basi per la loro completa rimozione”.

Ha aggiunto che, nonostante le prossime elezioni e la necessità per la leadership palestinese di guadagnare la fiducia degli elettori, le decisioni dell’Autorità Palestinese hanno ignorato tutte le richieste avanzate da avvocati e giudici.

“Governati dalle lusinghe  e dalla tirannia”.

Daoud Daraawi, Presidente del Comitato Legale dell’Ordine degli Avvocati, ritiene che il ramo esecutivo della PA abbia in tutti questi anni approfittato della sospensione del PLC. Ha detto che le ultime decisioni hanno confermato il tentativo di “anticipare il processo elettorale, interferire con esso o annullarne l’impatto”.

‘Nessuno può parlare in nome del popolo senza prendere legittimità da loro attraverso le urne’ – Daoud Daraawi, Presidente del Comitato Legale dell’Ordine degli Avvocati

“L’assenza del PLC ci ha spinto a vivere in uno stato di eccezione, governato dalle lusinghe , dalla tirannia e dall’oppressione.”

“Il Consiglio legislativo è la casa del popolo, e solo il popolo è la fonte dell’autorità. Nessuno può parlare a nome del popolo senza prenderne legittimità attraverso le urne”.

Ha aggiunto che il movimento sta prendendo posizione per boicottare non solo il Consiglio Giudiziario Supremo, ma anche altri organi modificati, come le corti d’appello e le corti amministrative.

“È inconcepibile che nel 21 ° secolo ci sia una legge che consentirà a un unico giudice di emettere una sentenza fino a 15 anni di reclusione senza deliberazione e senza la presenza di un organismo che garantisca all’accusato il diritto a un processo equo “, ha detto Daraawi.

Mentre il ramo esecutivo invade da anni la magistratura e interferisce con il suo processo, la legalizzazione di queste pratiche è un punto di svolta.

“Queste decisioni portano un messaggio molto pericoloso per l’intero processo democratico. In questo momento non provengono  da un vuoto “, ha detto Daraawi.

(Foto di copertina: Avvocati ed ex giudici chiedono tutela dell’indipendenza giudiziaria fuori dal Consiglio Legislativo Palestinese a Ramallah il 9 febbraio. MEE/ Shatha Hammad).

Traduzione per InvictaPalestina.org di Grazia Parolari.

 

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"