Palestinesi in “zone di fuoco” militari israeliane a rischio di trasferimento forzato

Cisgiordania-MEMO. I palestinesi che vivono in un’area di Nablus orientale designata dall’esercito israeliano come “zona di fuoco” sono a rischio di “sfollamento forzato”, secondo un aggiornamento dell’agenzia delle Nazioni Unite.

Il rapporto, pubblicato questa settimana dall’OCHA, sottolinea come “i recenti sviluppi hanno esacerbato la vulnerabilità dei palestinesi che vivono o dipendono dall’accesso ad un’area del Governatorato orientale di Nablus designata negli anni ’70 come chiusa per addestramento militare israeliano”.

Secondo l’OCHA delle Nazioni Unite, le esercitazioni militari delle forze israeliane nella cosiddetta “Zona di fuoco 904A” hanno portato a “trasferimenti temporanei, danni alla proprietà, interruzione della vita quotidiana e nuove restrizioni di accesso”, sviluppi che si sono verificati parallelamente a “crescenti attività coloniali”, comprese violenza ed intimidazione, insieme a una ridotta presenza palestinese”.

In un caso specifico, tra il 17 e il 24 giugno 2018, “le forze israeliane hanno svolto una grande esercitazione militare nell’area che ha sconvolto la vita di circa 250 residenti di Tell al Khashabeh, una comunità di pastori ai margini meridionali della zona di fuoco”.

Due famiglie sono state costrette ad “evacuare le loro case per tre giorni”, mentre “carri armati e jeep militari sono passate sopra circa 170 dunum di terreno agricolo coltivato con grano ed orzo, di proprietà di residenti della comunità, e hanno danneggiato un pozzo d’acqua, colpendo 15 famiglie”.

L’agenzia ha osservato che “circa il 18% della Cisgiordania, o quasi il 30% dell’Area C, è designato dalle autorità israeliane come zone di addestramento per esercitazioni militari”, aree che “ospitano 6.200 palestinesi che vivono in 38 piccole comunità beduine e pastorali”.

“A diversi livelli”, ha aggiunto l’agenzia delle Nazioni Unite, “queste comunità sono state colpite da un ambiente coercitivo generato da una serie di politiche e pratiche israeliane che mettono i residenti a rischio di trasferimento forzato”.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

tag: , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"