Palestinesi soffrono a causa della mancanza d’acqua corrente

Qalqiliya-IMEMC e WAFA. Migliaia di famiglie palestinesi, nel nord della Cisgiordania, sono senz’acqua corrente da due settimane, a causa del ritardo di Israele nel riparare una stazione di pompaggio idrica.

Omar Yamin, capo del consiglio del villaggio di Jitt, ad est della città di Qalqiliya, nel nord della Cisgiordania, ha dichiarato a WAFA che la principale stazione idrica di Beit Iba, che fornisce acqua potabile a quattro villaggi in quella zona, è bloccata da due settimane e le autorità israeliane responsabili non hanno ancora eseguito le riparazioni necessarie.

Ha affermato che circa 20 mila persone che vivono in questi villaggi stanno comprando l’acqua da dei camion, processo costoso e privo di standard sanitari.

Yamin ha affermato che le autorità locali sono in contatto con l’Autorità Palestinese, per intervenire con Israele, al fine di riparare la stazione.

Traduzione per InfoPal di F.H.L.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"