Pasqua cristiana: Israele vieta accesso al Santo Sepolcro. Aggressioni ai fedeli

Al-Quds (Gerusalemme) – InfoPal. Sabato 23 aprile, la polizia israeliana ha aggredito un gruppo di fedeli cristiani che stavano raggiungendo al-Quds (Gerusalemme) per celebrare la Santa Pasqua.

Il gruppo di palestinesi era diretto verso la Chiesa del Santo Sepolcro, quando, fermati presso un posto di blocco dei militari israeliani, è stato vietato loro di accedere alla Città vecchia. Contemporaneamente, però, agli stranieri veniva permesso il passaggio verso la Chiesa.

Dimitri Daliani, membro di Fatah e a capo dell’Assemblea dei cristiani in Terra Santa, ha denunciato l’atto delle forze d’occupazione israeliane aggiungendo: “E’ una pratica che non avrà mai fine. Per Israele è ordinario  e strategico privare i fedeli palestinesi del proprio diritto a seguire le funzioni religiose nella propria terra”.

Alle parole di Daliani ha fatto seguito il comunicato dell’Istituzione araba ortodossa gerosolimitana:
“Nel fine settimana appena trascorso, ci sono stati pestaggi e i militari d’occupazione non hanno esitato a utilizzare gas lacrimogeni per respingere i fedeli palestinesi. E’ una violazione alla libertà di culto oltre ad essere un’istigazione palese”.

Elisa Gennaro

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"