Petizione internazionale: Gaza è sull’orlo di una crisi di Coronavirus

Il Coronavirus viaggia ovunque in questi giorni. Non c’è alcuna differenza se la vittima vive nel centro degli Stati Uniti o nella Striscia di Gaza; nel secondo caso, tuttavia, l’assedio di 14 anni del regime sionista e la mancanza di attrezzature e servizi medici hanno lanciato l’allarme in vista di una crisi umanitaria.

La crisi del Coronavirus ha alimentato i timori del regime sionista secondo cui la sua diffusione potrebbe portare al collasso dell’economia palestinese, alla perdita di fiducia pubblica nei leader e al caos causato dalla carenza di cibo, acqua, elettricità e medicine. Inoltre, ciò mette il ​​regime di Tel Aviv in una difficile situazione di sicurezza .

Tuttavia, i politici israeliani presumono che la situazione nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania sia più grave di quanto precedentemente riferito e che Hamas sia consapevole dell’importanza della crisi futura che ne minaccia la sopravvivenza. Inoltre, il regime sionista vede la crisi del coronavirus come un’opportunità per iniziare un nuovo processo politico per consolidare la sua occupazione. Potrebbe adottare un nuovo approccio con il sostegno dell’Egitto, dell’Arabia Saudita, del Qatar e dell’inviato ONU Nikolai Mladenov. Le recenti osservazioni di Mladenov sul tentativo di rilanciare i colloqui di compromesso in coordinamento con il Comitato del Quartetto potrebbero essere interpretate come un segnale.

Israele ha imposto restrizioni sulla Striscia di Gaza dagli anni ’90, la violazione dei diritti umani ha raggiunto il culmine nel 2007 quando Israele, insieme all’Egitto, ha imposto il blocco di terra, aria e mare su Gaza.

Con un’economia già disastrata e ulteriormente minacciata dai perversi sistemi del regime sionista e con uno scarso accesso a strutture alimentari e sanitarie, i palestinesi a Gaza e in Cisgiordania sono i più esposti all’infezione da coronavirus. La mancanza di attrezzature mediche e strutture sanitarie in Cisgiordania e Gaza non è l’unico problema: ad esso va aggiunta la discriminazione nei confronti dei palestinesi con il pretesto dell’epidemia. In effetti, nonostante alcune restrizioni al movimento dei palestinesi nei Territori occupati da parte del regime sionista, continuano le politiche repressive e razziste attuate contro i palestinesi fino a intensificarsi con la diffusione del coronavirus. Il virus potrebbe, pertanto, avere un effetto devastante sui quasi due milioni di persone a Gaza, che è la regione più densamente popolata del Medio Oriente.

Circa il 70 percento della popolazione della Striscia di Gaza si trova ad affrontare l’insicurezza alimentare: dall’estate del 2019, Gaza affronta una carenza senza precedenti di medicine essenziali e attrezzature mediche. A causa della mancanza di strutture, i pazienti palestinesi vengono ricoverati negli hotel perché non ci sono abbastanza ospedali in Cisgiordania e a Gaza. Il coronavirus è diventato un’altra arma nelle mani di Israele, insieme ai suoi piani per combattere la popolazione dei Territori palestinesi occupati. I palestinesi di Gaza non hanno spazio sufficiente per l’isolamento sociale raccomandato dalle autorità della sanità pubblica. Il loro sistema sanitario, debole da decenni, non è in grado di soddisfare le loro esigenze. Non è chiaro quanti palestinesi moriranno, ma è ovvio che la quarantena che stiamo vivendo è abbastanza diversa dalla quarantena che Gaza ha vissuto da diversi anni.

Per noi, la quarantena è un meccanismo per salvare vite umane, ma a Gaza la quarantena è la causa dell’uccisione di persone. Esprimiamo la nostra preoccupazione firmando la petizione e chiediamo alle Nazioni Unite e a tutte le sue filiali di porre fine al blocco di Gaza e all’occupazione della Cisgiordania per prevenire una tragedia del coronavirus.

Istituto Culturale dell’Iran
00135, Via maria pezzè pascolato, 9, Roma
Tel.  +39 06 3052207,8| Fax. +39 06 3017341

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"