Prigioniero palestinese nuovamente detenuto da Israele dopo il suo rilascio

Wafa. Le autorità di occupazione israeliane (IOA) hanno nuovamente arrestato un prigioniero palestinese nel momento in cui è stato rilasciato dalla prigione del Naqab (Negev) al termine della sua condanna a 19 anni, e hanno fatto irruzione nella sua casa nella città occupata di Gerusalemme, secondo quanto denunciato dalla sua famiglia.

Malek Bukeirat, 41 anni, è stato nuovamente detenuto nel momento in cui ha messo piede fuori dalla prigione del Naqab, nel sud di Israele ,ed è stato portato al Russian Compound, il Maskoubiya, centro di interrogatorio a Gerusalemme ovest. 

Le forze di occupazione israeliane hanno anche fatto irruzione nella casa della famiglia Bukeirat, nel quartiere Sur Baher di Gerusalemme est occupata e l’hanno saccheggiata dopo aver costretto i residenti a rimanere fuori.

Bukeirat venne arrestato il 31 dicembre 2001, a un posto di blocco fuori dalla città di Betlemme, nel sud della Cisgiordania, e in seguito fu condannato a 19 anni di prigione per resistenza all’occupazione. Sua moglie era incinta del loro primo figlio.

A suo padre, Najeh Bukeirat, vicedirettore del dipartimento Waqf a Gerusalemme, il mese scorso fu vietato dalle autorità israeliane di entrare nella moschea di Al-Aqsa dalle autorità israeliane per un periodo di sei mesi.

tag: , , ,

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"