Proposta del sindaco di Haifa: un hotel galleggiante sulla Mavi Marmara

Imemc e agenzie. Dopo che Israele vi ha ucciso nove attivisti non-violenti e dopo che l'ha trainata fino a Haifa, il sindaco della città Yona Yahav ha presentato un piano che punta a trasformare la nave turca Mavi Marmara in un hotel galleggiante.

Sebbene la Turchia ne abbia chiesto la restituzione, il sindaco ha deciso di non attendere la decisione di Tel Aviv sul destino dell'imbarcazione, ed ha inviato una lettera al ministero della Difesa israeliano nella quale avanzava la sua proposta.

“Haifa, la città divenuta un modello per la convivenza arabo-ebraica, è l'ospite ideale per questa nave, che rappresenterà un simbolo internazionale di speranza e tolleranza”, si legge nella lettera del sindaco.

La nave è in realtà già una sorta di attrazione: la tv al-Arabiyya, intervistando un cameraman arabo israeliano, ha infatti rivelato come i novelli sposi arabi festeggiaano il loro matrimonio facendosi fotografare vicino alla Mavi.

Le giovani coppie, spiega il cameraman, la considerano un simbolo dell'orgoglio e del coraggio dimostrati dagli attivisti, che puntavano a raggiungere Gaza per una missione umanitaria e sono stati brutalmente attaccati dalla marina e dall'esercito israeliani.

© Agenzia stampa Infopal
E' permessa la riproduzione previa citazione della fonte "Agenzia stampa Infopal - www.infopal.it"